Qualche aiuto per iniziare?

Introduzione al mondo del forex

Moderatore: riccardo1981

Rrrssg
Messaggi: 1
Iscritto il: 24/12/2017, 0:44

Qualche aiuto per iniziare?

Messaggio da Rrrssg » 24/12/2017, 0:56

Salve, sono un neofita del trading e sto cercando qualche chiarimento/suggerimento.
Vorrei fare del trading online con investing.com.. per comprare azioni ho bisogno di un broker? Come si ricarica il portafogli?
Avete qualche suggerimento per qualche libro/manuale gratis per iniziare con il trading?
Grazie mille a tutti e buone feste :)

Nightrader
Messaggi: 655
Iscritto il: 27/01/2016, 13:16

Re: Qualche aiuto per iniziare?

Messaggio da Nightrader » 26/12/2017, 12:56

Rrrssg ha scritto:
24/12/2017, 0:56
Salve, sono un neofita del trading e sto cercando qualche chiarimento/suggerimento.
Vorrei fare del trading online con investing.com.. per comprare azioni ho bisogno di un broker? Come si ricarica il portafogli?
Avete qualche suggerimento per qualche libro/manuale gratis per iniziare con il trading?
Grazie mille a tutti e buone feste :)
ciao e benvenuto :)
apri un conto demo con un broker (cerca nella sezione relativa del forum), e comincia a cercare informazioni sulle basi del trading, senza preoccuparti di come si ricaricano i conti reali.
In bocca al lupo.
"Molte scorciatoie sono la strada più breve per tornare al punto di partenza."

magico32
Messaggi: 794
Iscritto il: 24/05/2014, 6:31

Re: Qualche aiuto per iniziare?

Messaggio da magico32 » 27/12/2017, 7:18

Ti perderai nel marasma delle sole e dei guru, butterai denaro credendo di imparare, comprerai libri inutili, proversi decine di strategie, fidati, ci siamo passati tutti.

In bocca al lupo

siloga
Messaggi: 186
Iscritto il: 04/01/2018, 3:27

Re: Qualche aiuto per iniziare?

Messaggio da siloga » 16/01/2018, 0:40

Informati molto in internet ma solo sui siti seri. Io lo faccio da solo 10 mesi e comincio solo ora a capire dove prendere spunti buoni (pochi) e dove lasciare i (tanti) spunti che cercano solo di vendere crosi, strategie ecc per migliaia di euro. Comunque è un attività bellissima se fatta con testa.

Jordie36
Messaggi: 159
Iscritto il: 17/05/2014, 17:47

Re: Qualche aiuto per iniziare?

Messaggio da Jordie36 » 18/01/2018, 14:38

Testa = Money Management
Tutto il resto è inutile (almeno nel forex)!!!!!!!

MagicRingo
Messaggi: 84
Iscritto il: 30/11/2017, 10:32

Re: Qualche aiuto per iniziare?

Messaggio da MagicRingo » 25/01/2018, 15:11

Il consiglio mio è di informarti si in giro ma di non ascoltare nessuno... ragiona solo con la tua testa è li che ce la soluzione del gioco.
"Nessun mare calmo ha mai fatto un marinaio esperto"

AxiaLoC
Messaggi: 43
Iscritto il: 06/12/2015, 23:14

Re: Qualche aiuto per iniziare?

Messaggio da AxiaLoC » 12/03/2018, 12:11

informati su internet e non buttare i tuoi soldi.. non è la singola strategia che ti farà stare in guadagno ma un solido money management

personalmente ritengo molto validi i video che trovi su youtube di Unger (il suo libro secondo me è illuminante)

Ciao

Avatar utente
Dainesi
Messaggi: 349
Iscritto il: 12/05/2014, 12:10
Località: Castellanza (VA)

Re: Qualche aiuto per iniziare?

Messaggio da Dainesi » 13/04/2018, 9:56

Chissa perché ma ogni volta che un neofita fa una domanda del tipo "Come si comincia per non sbagliare?" ecco che le risposte che si leggono sono più o meno sempre le stesse: "Ragiona con la tua testa!", "Non fidarti di nessuno..", "Non spendere soldi e guarda solo le cose gratuite!" (tranne poi passare sottobanco copie pirata di testi costosi). Dimenticandoci che se uno chiede è perché non conosce e quindi non possiede ancora "una testa", deve farsela.

Dall'altra parte, spesso ma non sempre, ci troviamo di fronte a neofiti veramente ingenui che "per non saper ne leggere e ne scrivere" ascoltano tutti e alla fine si ritrovano una gran confusione mentale e vanno incontro a cocenti delusioni che li spingono a lasciare o ad unirsi al coro di detrattori pronti a dispensare consigli ai nuovi neofiti!

Tempo fa (qualche settimana fa) ho accompagnato alcuni miei clienti ad un road show di un broker in giro per Milano, Torino e Genova. In questi eventi alcuni soggetti erano stati chiamati a tenere sessioni oratorie su tematiche relative al trading (iniziativa di per sè lodevole). Peccato che quello che ho sentito per la maggior parte del tempo era la solita litania vecchia di secoli: "Non fate trading, il 95% di chi lo fa perde!" :blink:
Nessuno però ha il coraggio di dire che chi fa il trader di professione guadagna, sempre. Ognuno con rendimenti alterni ma ci tira comunque fuori un reddito. Quelli che perdono e lasciano sono i dilettanti allo sbaraglio, sono quelli che si avvicinano con la parola "scalping" nella mente inseguendo una chimera che qualche ben pensante ha messo loro nell'orecchio o chi, seguendo i consigli di "un amico" investono senza conoscere i rischi ma solo le opportunità (e neanche bene).
Ogni professione non è per tutti, ovvero è fatta solo per un 5% delle persone. Le altre faranno altro: è la vita fatta di inclinazioni naturali, di volontà e di umiltà.
In ogni mestiere, ed il trading è un mestiere, occorre imparare e fare esperienza. Ciò però non vuol dire che ogni persona che vuole viaggiare deve reinventare la ruota spremendo i propri neuroni alla ricerca della forma geometrica atta a supportare gli spostamenti (cerchio, rotolamento, movimento, ecc...). Per nostra fortuna possiamo partire dalle esperienze e scoperte altrui per imparare e migliorarci.

Nel mondo del trading esistono tanti "incantatori di serpenti" che naturalmente inquinano le acque ma questo non è un buon motivo per proclamare l'anarchia e vuoti principi di autodeterminazione. Vi fidereste di più a farvi curare da un vostro amico che si è creato il proprio sapere su Wikipedia (senza nulla togliere a Wikipedia ma sappiate che chiunque ci può scrivere) o da un medico che ha studiato sei anni di medicina più le specializzazioni successive? Lo sò che l'obiezione nasce spontanea: "il cimitero è pieno di sbagli dei medici..." ma è altrettanto vero che se devo dare credibilità questa scelta deve essere guidata dalla ragione: sparo a caso o cerco una motivazione ?

Molti, lo sò già, faranno le "coroncine" a ciò che scrivo perché sanno che scrivo libri e tengo corsi su questi argomenti, nonché realizzo e vendo trading system. Ma la realtà non la si può cambiare: se vuoi fare qualsiasi cosa devi armarti di pazienza, procurarti gli strumenti adatti e imparare la "grammatica". Non posso imparare a suonare violino guardando un video su YouTube così come non posso imparare a parlare in pubblico semplicemente aprendo la bocca. Quanti di voi aprendo il cofano della propria auto lo hanno richiuso perché non sapevano da che parte iniziare per cambiare le candele o semplicemente controllare i liquidi? (non chiedo nemmeno chi ha provato a montare le catene da neve la prima volta ...).

Il percorso consigliato ad ogni neofita nel trading è simile ad un neo allievo in una qualsiasi scuola:
  1. Procurarsi i primi e rudimentali strumenti* (Piattaforma di trading con conto DEMO)
  • Leggere sui forum le nozioni base gratuite, giusto per inquadrare l'ambiente (descrizioni sommarie ma per ora indicative)
  • Procurarsi testi e letture BASE che ci permettono di fissare le basi e farci comprendere l'estensione dell'argomento principale (il trading sui mercati finanziari) in tutte i suoi aspetti e conoscere le materie che potrebbero essere coinvolte
  • Frequentare uno o più corsi "gratuiti" (magari quelli "di parte", ovvero offerti dai broker) per avere un primo approccio e conoscere "gli squali"
  • Ora che si è capito cosa "offrono" i corsi gratuiti ci sarà più chiaro cosa cercare in un corso a pagamento
  • Proseguire l'approfondimento teorico iniziando a studiare le materie correlate al trading (Statistica, Politica economica e montetaria, Teoria delle Banche centrali, Economia internazionale, Econometria, Tecnica di Borsa, Tecnica di gestione di portafoglio, Macroeconomia, ecc...)
Nel seguire questi step l'allievo deve fare "esercizio sul campo", ovvero dapprima aprire un conto Demo e su questo applicare i rudimenti imparati e man mano che la formazione si irrobustisce passare a conti reali con importi ridotti per poi crescere in parallelo con la propria maturità.

Questa ovviamente è una traccia generale ed ognuno può arricchirla come meglio crede ma pensare di riuscire a diventare trader consapevoli prescindendo dalle basi è un suicidio.


* Gli "strumenti" adatti sono i broker (selezionati per merito e non per visibilità se no saremmo tutti clienti MPS...), i supporti informatici, i libri ed i corsi. Un bravo meccanico sa di dover usare attrezzi Beta, USAG o Pastorino e non anonimi cinesi quasi gratuiti che alla prima "stretta" si squagliano!

peppeusvelt
Messaggi: 5
Iscritto il: 12/02/2017, 23:19

Re: Qualche aiuto per iniziare?

Messaggio da peppeusvelt » 13/04/2018, 20:54



Sono più di 3 anni che provo a cercare di essere profittevole nel trading , naturalmente con conti micro o centesimali, leggo di tutto, seguo tutti i corsi, le interviste e i webinar gratuiti, e mi rendo conto che è come se stessi ancora studiando alle elementari.
Purtroppo il trading è pubblicizzato come una professione per far soldi molto velocemente e in parte è anche vero, ma nascondono un piccolo particolare:
Qualsiasi mestiere, arte o professione vogliamo imparare nella vita,servono anni di studi, pratica sul campo, e soprattutto molta umiltà nell'ammettere i propri limiti , ascoltare i consigli delle persone che ne sanno più di noi e cercare di imparare dai propri errori.

Nightrader
Messaggi: 655
Iscritto il: 27/01/2016, 13:16

Re: Qualche aiuto per iniziare?

Messaggio da Nightrader » 14/04/2018, 11:24

Aggiungo che bisogna anche capire quali sono i risultati ottenibili in base alle armi che si hanno a disposizione, e quali sono i risultati intermedi da cui passare, prima di arrivare a quelli inizialmente preventivati.
Leggo e sento moltissime persone che si ostinano a voler fare il 100% al mese senza aver mai provato in vita loro a essere profittevoli per uno o due anni di fila......e che finiscono per ignorare in modo chirurgico e mirato, tutto ciò che nel trading è sensato, ma che ovviamente porta a fare percentuali di profitto sostenibili in relazione al capitale messo rischio, e che quindi è di fatto controproducente per i loro obiettivi di ricchezza e prosperità in tempi brevi :doh:
"Molte scorciatoie sono la strada più breve per tornare al punto di partenza."

Chi c’è in linea

Visitano il forum: CC [Bot], Yandex [Bot] e 0 ospiti