Nuove norme ESMA

Discussioni su aspetti fiscali, legali e normativi che si applicano nel forex...

Moderatore: riccardo1981

Avatar utente
taddeo1
Messaggi: 31
Iscritto il: 26/07/2018, 23:58

Re: Nuove norme ESMA

Messaggio da taddeo1 » 28/07/2018, 21:28

andy77 ha scritto:
28/07/2018, 15:06
taddeo1 ha scritto:
27/07/2018, 23:17
SE FACCIO TRADING CON 1000€ e pianifico di guadagnare 5€/giorno (cifra abbordabilissima) per 200 giorni/anno in un anno ho raddoppiato il capitale. Con leva 400:1- poi- va quasi da sé!! E questo alle banche dà sì fastidio, e che fastidio!!
Sei sicuro che sia così semplice? Basterebbe investire dunque 50k per fare 50k all'anno quindi 4k al mese e smettere di lavorare? Secondo me non è proprio così .. avrei qualche dubbio :dry: :dry:
non ho scritto che è semplice...ma fattibile (eccome!!) si. La sostanziale differenza tra il mio esempio e il tuo è quello "smettere di lavorare" col quale introduci una variabile che inficia pesantemente e alla radice l'obiettivo finale. Non capisco su cosa hai qualche dubbio... sul fatto di riuscire a guadagnare 5€/g per 200gg/a col risultato di raddoppiare i 1000€ del tuo capitale iniziale?? beh... non hai che da provare...
Saluti

Avatar utente
taddeo1
Messaggi: 31
Iscritto il: 26/07/2018, 23:58

Re: Nuove norme ESMA

Messaggio da taddeo1 » 28/07/2018, 21:44

AleksSandro ha scritto:
28/07/2018, 15:05
I limiti servono sicuramente.
Ci sono i limiti di velocità, ma immagini una ferrari limitata a 130 km/h?
Una macchina potente se usata bene puo' anche aiutarti in situazioni difficili,
per esempio sorpassare un camion con un auto turbo da 200cv è diverso che sorpassarlo con un 1.3 aspirato.
La cosa è che la leva deve essere usata al momento opportuno e non per aprire posizioni da 2 i 3 lotti.
esempio: ci sono trader che hanno sul conto 20.000€ e lavorano sul lungo periodo.
Per loro aprire un 0.01 senza stop loss poco interessa, quindi iniziano con 0.01 e costruiscono la posizione man mano che il prezzo gli da ragione,
Nel caso la situazione si incasina e il prezzo gli va contro, utilizzando un po' di leva, possono risolvere la situazione e magari uscire anche con piccolo profitto. Diversi amici che gestiscono fondi capitalizzati lavorano cosi, e senza stop loss
anch'io lavoro così... personalmente ODIO gli s.l. e non li contemplo proprio...
All'inizio mi ca**vo addosso quando stavo perdendo cifre importanti (sulla carta, finché non chiudi la posizione né guadagni né perdi nulla...) ma poi, anche in tempi brevi, recuperavo il negativo e chiudevo in positivo. Cosa significa? Che alla fine avevo lavorato bene... quindi è quello il ragionamento giusto da fare: impostare bene il lavoro, seminare bene.
Saluti

Avatar utente
taddeo1
Messaggi: 31
Iscritto il: 26/07/2018, 23:58

Re: Nuove norme ESMA

Messaggio da taddeo1 » 06/08/2018, 10:10

Non riesco a trovare il testo ORIGINALE di queste norme ESMA (legge? del ? etc.)
In internet se ne parla, se ne straparla... ma nessuno riporta i dati e il testo originale.
Qualche utente del forum sa darmi lumi su dove trovare ciò che cerco?
Grazie assai anticipato...

Paolino
Messaggi: 335
Iscritto il: 05/04/2015, 21:57

Re: Nuove norme ESMA

Messaggio da Paolino » 06/08/2018, 21:23

taddeo1 ha scritto:
27/07/2018, 19:04
Grazie, molto preciso!!
Da che fonte hai attinto?

Se posso fare un commento personalissimo, secondo me è solo un grande ummaumma per favorire le banche che si sono viste sottrarre un bel po' di quattrini dai broker. La leva, con la problematica per la quale l'ESMA
ha Introdotto le norme, non c'entra assolutamente nulla....!! Dimostrazione:
tenendo presente la regola canonica di andare a mercato al max. col 2% del capitale
Capitale 1000€
Andando a mercato col 2% di 1000€= 20€ (R)
- se ho leva 50:1= (R*50)*0,00001=(20*50)*0,00001=0,01 andrò a mercato con volume 0,01
- se ho leva 400:1=(20*400)*0,00001=0,08
andrò a mercato con volume di 0,08
Mi si dica cosa c'entra la leva??
Il problema vero semmai è la percentuale di capitale disponobile con ci si va a mercato...
Conclusione semplicissima: trattasi di manovra neanche molto intelligente per ridare fiato alle banche che si sono viste sottrarre un cospicuo volume di denaro da parte dei broker.
Non capisco il calcolo che fai, calcoli il lotto partendo dalla percentuale di rischio, moltiplicandolo per la leva e per il pip? Che senso ha?

Se decidi di rischiare il 2% di 1000 euro (20 euro) significa che se arrivi a perdere 20 euro chiudi l'operazione in loss e quindi, usi lo stop loss.
La leva serve solo a determinare il margine che viene bloccato per eseguire l'operazione, quindi se hai leva 50 potrai inserire (teoricamente ma non va assolutamente fatto) un lotto pari a 1000*50= 0.5 lotti, se hai leva 400 il lotto massimo sarà 1000*400= 4 lotti. In entrambi i casi uno stop loss pari a 20 euro non ha nessun senso, anche perchè buona parte se non tutto te lo mangia lo spread e per poco che il prezzo ti va contro hai un loss.

Avatar utente
taddeo1
Messaggi: 31
Iscritto il: 26/07/2018, 23:58

Re: Nuove norme ESMA

Messaggio da taddeo1 » 06/08/2018, 21:43

Paolino ha scritto:
06/08/2018, 21:23
taddeo1 ha scritto:
27/07/2018, 19:04
Grazie, molto preciso!!
Da che fonte hai attinto?

Se posso fare un commento personalissimo, secondo me è solo un grande ummaumma per favorire le banche che si sono viste sottrarre un bel po' di quattrini dai broker. La leva, con la problematica per la quale l'ESMA
ha Introdotto le norme, non c'entra assolutamente nulla....!! Dimostrazione:
tenendo presente la regola canonica di andare a mercato al max. col 2% del capitale
Capitale 1000€
Andando a mercato col 2% di 1000€= 20€ (R)
- se ho leva 50:1= (R*50)*0,00001=(20*50)*0,00001=0,01 andrò a mercato con volume 0,01
- se ho leva 400:1=(20*400)*0,00001=0,08
andrò a mercato con volume di 0,08
Mi si dica cosa c'entra la leva??
Il problema vero semmai è la percentuale di capitale disponobile con ci si va a mercato...
Conclusione semplicissima: trattasi di manovra neanche molto intelligente per ridare fiato alle banche che si sono viste sottrarre un cospicuo volume di denaro da parte dei broker.
Non capisco il calcolo che fai, calcoli il lotto partendo dalla percentuale di rischio, moltiplicandolo per la leva e per il pip? Che senso ha?

Se decidi di rischiare il 2% di 1000 euro (20 euro) significa che se arrivi a perdere 20 euro chiudi l'operazione in loss e quindi, usi lo stop loss.
La leva serve solo a determinare il margine che viene bloccato per eseguire l'operazione, quindi se hai leva 50 potrai inserire (teoricamente ma non va assolutamente fatto) un lotto pari a 1000*50= 0.5 lotti, se hai leva 400 il lotto massimo sarà 1000*400= 4 lotti. In entrambi i casi uno stop loss pari a 20 euro non ha nessun senso, anche perchè buona parte se non tutto te lo mangia lo spread e per poco che il prezzo ti va contro hai un loss.
Scusa Paolino ma sono io a non capire il tuo ragionamento... cosa c'entra lo s.l.?
Quello che intendo dire è che non c'entra una cippa la leva col discorso salvaguardia del cliente sprovveduto... si rovinerebbe anche con leva 1:1
È la % del capitale con cui entra a mercato (non la leva!!) a rovinarlo...
ESMA ha solo fatto il gioco delle banche. Palese dai...

Paolino
Messaggi: 335
Iscritto il: 05/04/2015, 21:57

Re: Nuove norme ESMA

Messaggio da Paolino » 07/08/2018, 8:37

taddeo1 ha scritto:
06/08/2018, 21:43
Paolino ha scritto:
06/08/2018, 21:23
taddeo1 ha scritto:
27/07/2018, 19:04
Grazie, molto preciso!!
Da che fonte hai attinto?

Se posso fare un commento personalissimo, secondo me è solo un grande ummaumma per favorire le banche che si sono viste sottrarre un bel po' di quattrini dai broker. La leva, con la problematica per la quale l'ESMA
ha Introdotto le norme, non c'entra assolutamente nulla....!! Dimostrazione:
tenendo presente la regola canonica di andare a mercato al max. col 2% del capitale
Capitale 1000€
Andando a mercato col 2% di 1000€= 20€ (R)
- se ho leva 50:1= (R*50)*0,00001=(20*50)*0,00001=0,01 andrò a mercato con volume 0,01
- se ho leva 400:1=(20*400)*0,00001=0,08
andrò a mercato con volume di 0,08
Mi si dica cosa c'entra la leva??
Il problema vero semmai è la percentuale di capitale disponobile con ci si va a mercato...
Conclusione semplicissima: trattasi di manovra neanche molto intelligente per ridare fiato alle banche che si sono viste sottrarre un cospicuo volume di denaro da parte dei broker.
Non capisco il calcolo che fai, calcoli il lotto partendo dalla percentuale di rischio, moltiplicandolo per la leva e per il pip? Che senso ha?

Se decidi di rischiare il 2% di 1000 euro (20 euro) significa che se arrivi a perdere 20 euro chiudi l'operazione in loss e quindi, usi lo stop loss.
La leva serve solo a determinare il margine che viene bloccato per eseguire l'operazione, quindi se hai leva 50 potrai inserire (teoricamente ma non va assolutamente fatto) un lotto pari a 1000*50= 0.5 lotti, se hai leva 400 il lotto massimo sarà 1000*400= 4 lotti. In entrambi i casi uno stop loss pari a 20 euro non ha nessun senso, anche perchè buona parte se non tutto te lo mangia lo spread e per poco che il prezzo ti va contro hai un loss.
Scusa Paolino ma sono io a non capire il tuo ragionamento... cosa c'entra lo s.l.?
Quello che intendo dire è che non c'entra una cippa la leva col discorso salvaguardia del cliente sprovveduto... si rovinerebbe anche con leva 1:1
È la % del capitale con cui entra a mercato (non la leva!!) a rovinarlo...
ESMA ha solo fatto il gioco delle banche. Palese dai...
Sono assolutamente d'accordo con te che le normative dell'ESMA servono a tutto tranne che tutelare i trader (l'avevo già scritto da qualche parte di questo forum qualche mese fa) facendo gli interessi di "qualcun'altro", la mia osservazione era relativa al calcolo che fai per determinare l'importo con cui vai a mercato.

Avatar utente
taddeo1
Messaggi: 31
Iscritto il: 26/07/2018, 23:58

Re: Nuove norme ESMA

Messaggio da taddeo1 » 07/08/2018, 10:36

Beh il calcolo l'ho fatto in base al 2% del capitale e alla "famigerata" (secondo i cervelloni dell'ESMA) leva.

Anche un ragazzino delle medie da 6 meno meno capisce benissimo che NON è assolutamente la leva a mandare a ramengo il trader ingordo... bensì la percentuale del capitale che mette a mercato.
E ora ci dovremmo pure "bere" la storia che ESMA è un paladino dei poveri trader...

Avatar utente
nagsul
Messaggi: 493
Iscritto il: 17/11/2016, 12:14

Re: Nuove norme ESMA

Messaggio da nagsul » 07/08/2018, 22:39

taddeo1 ha scritto:
06/08/2018, 10:10
Non riesco a trovare il testo ORIGINALE di queste norme ESMA (legge? del ? etc.)
Se ne è parlato qua, stesso argomento ma si è aperto un altro thread :dry:

https://www.esma.europa.eu/press-news/e ... -investors

il sito dove cercare è questo

Avatar utente
taddeo1
Messaggi: 31
Iscritto il: 26/07/2018, 23:58

Re: Nuove norme ESMA

Messaggio da taddeo1 » 08/08/2018, 15:34

nagsul ha scritto:
07/08/2018, 22:39
taddeo1 ha scritto:
06/08/2018, 10:10
Non riesco a trovare il testo ORIGINALE di queste norme ESMA (legge? del ? etc.)
Se ne è parlato qua, stesso argomento ma si è aperto un altro thread :dry:

https://www.esma.europa.eu/press-news/e ... -investors

il sito dove cercare è questo
Grazie assai!! 😉

Avatar utente
taddeo1
Messaggi: 31
Iscritto il: 26/07/2018, 23:58

Re: Nuove norme ESMA

Messaggio da taddeo1 » 08/08/2018, 23:38

https://www.esma.europa.eu/press-news/e ... -investors
Letto.
Si parla solo di OPZIONI BINARIE e di CFD. Nessun riferimento al FX, che è un'altra cosa...
Se qualche utente del forum è in grado di smentirmi con i relativi e precisi dati di riferimento normativo (e relativo testo ufficiale), ben venga. Altrimenti è solo un gran polverone.
Comunque con più ci ragiono, con più sono sicuro che la limitazione della LEVA con la salvaguardia dei "retail clients" non c'entra prprio nulla...
In ogni caso le misure restrittive ESMA saranno applicate solo per un periodo di 3 mesi... :cool:
Saluti

Chi c’è in linea

Visitano il forum: CC [Bot] e 0 ospiti