Supporti e resistenze non esistono

Imparare a riconoscere i pattern e le emozioni del mercato

Moderatore: Uidro

navajo
Messaggi: 1534
Iscritto il: 18/05/2014, 13:14

Re: Supporti e resistenze non esistono

Messaggio da navajo » 04/09/2016, 13:45

869524 ha scritto:
da robbi58 » ieri, 12:28

Il mio problema è che quando entro in scia dei famosi 200 contratti, dopo pochissimi minuti ne vedo passare 600 di verso contrario.
Allora mi metto in coda ai 600, e magicamente iniziano a passare, di nuovo in segno opposto, piccoli pacchetti di ordini, tutti contrari al mio e questo per ore e ore.
Allora mi basterebbe seguire i piccoli pacchetti, ma quando lo fai è quasi certo che ti arriva contro l'ordine gigantesco.
Come si gestisce questa situazione? Dove lo vedo questo ordine gigante che va contro la mia posizione prima di entrare a mercato? Quando un minimo o un massimo non vengono violati ma il prezzo rimane in quella zona dove, come, in che direzione entro? Dove metto lo stop? Dove metto il target? Se entro short, come faccio a sapere che fra 5 minuti una grande banca ha intenzione di entrare long? la grande banca, che vuole fare profitto, in qualche modo non farà arrivare il prezzo dove le interessa aprire un ordine di importo gigantesco in direzione opposta? In questo caso avrebbe interesse a far sapere dove e quando lo piazzerà?
E' possibile che i piccoli pacchetti di ordini siano inseriti per far arrivare il prezzo dove la grande banca vuole inserire l'ordine in direzione opposta e che quindi sia molto meglio non seguire i piccoli pacchetti?
E' possibile in qualche modo individuare un prezzo in cui ci sarà questa entrata a mercato?
Semplicemente ragionando sul grafico il flusso di ordini deve diventare una mentalità, ci sono zone che vengono riempite solo per motivi macro economici altrimenti resterebbero vuote a vita.

Sponsor

Sponsor
 

navajo
Messaggi: 1534
Iscritto il: 18/05/2014, 13:14

Re: Supporti e resistenze non esistono

Messaggio da navajo » 04/09/2016, 13:48

869524 ha scritto:Ma appunto ci devono essere delle logiche ... anch' io qualche volta tiro le mie righe a caso , ma sono 1 , massimo 2 per grafico ... perchè quel livello per fare da livello deve avere appunto liquidità da consumare .. ovvero deve essere visibile da tutti , deve essere giovane e deve essere bello verginello :) ( altro che livelli vecchi e toccati più volte ... quelli han già perso la verginità e più invecchiano , più vengono " usati " e meno diventano attrattivi , praticamente l' esatto contrario di quello che ci raccontano :) )


"tracciare il livello sulle chiusure dello swing più vicino al prezzo"
La massima per eccellenza......................"compra basso vendi alto" ti assicuro che i grossi commercianti ragionano così altrimenti dovrebbero cambiare mestiere.

869524
Messaggi: 667
Iscritto il: 16/03/2015, 16:04

Re: Supporti e resistenze non esistono

Messaggio da 869524 » 04/09/2016, 13:52

Si bisogna ragionare sul grafico sono più che d'accordo, cercando un modo per relazionarlo al flusso degli ordini.

Avatar utente
LVCA
Messaggi: 1411
Iscritto il: 17/05/2014, 21:10

Re: Supporti e resistenze non esistono

Messaggio da LVCA » 04/09/2016, 13:55

navajo ha scritto:Il vero problema del forex è quello dei 3 passi avanti e 2 indietro, devi essere talmente abile a fare il primo passo altrimenti è tempo perso.
??? non ho capito :blink:

Avatar utente
LVCA
Messaggi: 1411
Iscritto il: 17/05/2014, 21:10

Re: Supporti e resistenze non esistono

Messaggio da LVCA » 04/09/2016, 14:04

navajo ha scritto:
LVCA ha scritto:
navajo ha scritto: Indubbiamente come dici saranno righe tirate a caso, ma devi convenire che su un qualsiasi grafico ci sono delle aree/zone di prezzo dove " teoricamente ed in condizioni normali" il prezzo reagisce creando liquidità consumando i pending, non sapremo di che entità saranno gli ordini ma possiamo prevedere approssimativamente dove avverrà, senza tirare in ballo la forma delle candele guardando solo le zone quelle molto nette e pulite.
Lo studio dell'OF è un metodo, come lo sono Jarroo, Prezzo, Camelback.....................
SI certo andando ad intuito qualcosa si può tirare fuori .

Ciò che mi lascia perplesso sono quei grafici dove vedo tirate una infinità di righe che sembra un quaderno a righe ....

Ma appunto ci devono essere delle logiche ... anch' io qualche volta tiro le mie righe a caso , ma sono 1 , massimo 2 per grafico ... perchè quel livello per fare da livello deve avere appunto liquidità da consumare .. ovvero deve essere visibile da tutti , deve essere giovane e deve essere bello verginello :) ( altro che livelli vecchi e toccati più volte ... quelli han già perso la verginità e più invecchiano , più vengono " usati " e meno diventano attrattivi , praticamente l' esatto contrario di quello che ci raccontano :) )

e comqunue li vai a beccare il parco buoi non i big boy , ma va bene anche quello perchè i big boy sono golosi di andare a " sverginare " quei livelli quindi è probabile che costruiscano dei movimenti per andare a prendere quella liquidità , e da li si possono fare dei ragionamenti

quindi massimi /minimi di mercato vergini , POC vergini ... qualcosa ad intuito si può trovare certo
Sei troppo impulsivo ragioniamo.
Devi spiegare cosa è un Book, come si crea liquidità,come si muove il prezzo, poi ogn'uno trae le proprie conclusioni.

BID: ASK:
10/120 10/160
10/110 10/150
10/100 10/140
10/90 10/130
Se ho bisogno di 40 contratti a £ 130 verrò eseguito in parte al miglior prezzo oppure svuoto il book in attesa nuovi contratti.
Questo muove il prezzo ma posso anche creare un fakey mettendo un ordine più grosso sapendo di non trovare la controparte.
Io tutto questo lo leggo con le candele, se le zone sono vecchie la liquidita in parte va ricreata tranne casi di cassettisti.
ma si lo so che sui livelli è un casino , infatti io li uso in modo tutto mio

io i livelli li uso come take profit , quindi per uscire dal trade , ad entrare sui livelli lascio quelli bravi , io non sono capace di leggere tutte le finte , le controfinte e le controfinte delle controfinte dai big boy :) . Cerco di sfruttare solo la " pre-trade " ovvero il movimento artificiale per andare a prendere la liquidità . Ho un paio di protocolli ben definiti per fare questo ...

esatto un livello usato ha bisogno che qualcuno gli metta nuova liquidità , ma siccome non lo so se qualcuno ha voglia di rimettercela io vado sul pratico e mi prendo solo quelli vergini che sono quelli che funzionano meglio , il resto per me non esiste non vado a complicarmi la vita ... tanto faccio intraday ed il livellino vergine di giornata c'e' quasi sempre ..

ho fatto degli studi e ... se uso solo quelli è perchè statisticamente ho verificato che sono quelli più " utili "

Avatar utente
LVCA
Messaggi: 1411
Iscritto il: 17/05/2014, 21:10

Re: Supporti e resistenze non esistono

Messaggio da LVCA » 04/09/2016, 14:05

869524 ha scritto: "tracciare il livello sulle chiusure dello swing più vicino al prezzo"
yes , tranne che la chiusura la puoi usare IHMO solo su un grafico daily ( spesso la chiusura coincide con il POC di giornata )

Avatar utente
LVCA
Messaggi: 1411
Iscritto il: 17/05/2014, 21:10

Re: Supporti e resistenze non esistono

Messaggio da LVCA » 04/09/2016, 14:10

Come si gestisce questa situazione? Dove lo vedo questo ordine gigante che va contro la mia posizione prima di entrare a mercato?

Quando un minimo o un massimo non vengono violati ma il prezzo rimane in quella zona dove, come, in che direzione entro?

non entri , almeno io non entro , non è che si deve entrare per forza

Dove metto il target?

sul livello

E' possibile che i piccoli pacchetti di ordini siano inseriti per far arrivare il prezzo dove la grande banca vuole inserire l'ordine in direzione opposta e che quindi sia molto meglio non seguire i piccoli pacchetti?

certo molto spesso è così . E'' quella che io chiamo pre-trade . Puoi seguire i piccoli paccheti che ti porteranno al grosso ordine . quando il grosso ordine entrerà a mercato a te non fregherà più nulla perchè sarai giù uscita in profitto

E' possibile in qualche modo individuare un prezzo in cui ci sarà questa entrata a mercato?

no ,anche se realisticamente sarà in una zona appena oltre il livello ( la zona degli stop loss dei buoi ) . In genere più il sottostante è liquido è più " stretta " mediamente sarà questa " area di stop "

[/quote]

leggetevi il buon Ross per approfondimenti , non le tecniche ma i concetti sulla psicologia dei grandi investitori che spiega nei suoi libri

869524
Messaggi: 667
Iscritto il: 16/03/2015, 16:04

Re: Supporti e resistenze non esistono

Messaggio da 869524 » 04/09/2016, 14:34

Entrare seguendo i piccoli pacchetti e uscire sul livello dove presumibilmente sono inseriti gli stop ha una sua logica, ma ha una logica anche fare l'operazione inversa, che è quella più importante in termini di pips nell'arco dell'intraday. (mio modesto parere)

"tracciare il livello sulle chiusure degli swing più vicini al prezzo" ovviamente non è farina del mio sacco, (jarroo)

ma vedo con piacere che si ammette l'esistenza di una qualche forma di livello, che è solo una rappresentazione grafica a beneficio della nostra comprensione di un prezzo che viene utilizzato per uscire o per entrare a mercato da chi può far muovere il prezzo.(penso io).

Avatar utente
Uidro
Messaggi: 1136
Iscritto il: 16/05/2014, 20:07

Re: Supporti e resistenze non esistono

Messaggio da Uidro » 04/09/2016, 16:27

LVCA ha scritto: ma si lo so che sui livelli è un casino , infatti io li uso in modo tutto mio

esatto un livello usato ha bisogno che qualcuno gli metta nuova liquidità , ma siccome non lo so se qualcuno ha voglia di rimettercela io vado sul pratico e mi prendo solo quelli vergini che sono quelli che funzionano meglio , il resto per me non esiste non vado a complicarmi la vita ... tanto faccio intraday ed il livellino vergine di giornata c'e' quasi sempre ..

ho fatto degli studi e ... se uso solo quelli è perchè statisticamente ho verificato che sono quelli più " utili "
Questo è un discorso che piacerebbe se venisse approfondito. é già da un po' di tempo che sto lavorando sui livelli vergini sia effettivi che di liquidità ma sono ancora in una fase del tutto sperimentale e comunque utilizzando grafici a tempo e non a tick.

Questi livelli vergini li identifichi sul grafico a tick a candele? In che modo li identifichi, sugli swing utilizzando solo la chiusura o anche la liquidità data dalle code?
Lavori solo sul grafico a 1600 ticks o utilizzi un metodo multiTF a tick?

da quello che ho capito utilizzi solo la rottura dei livelli e quindi niente rimbalzi. Come fai a filtrare le rotture fake, che inevitabilmente ci saranno, dalle rotture con più probabilità di riuscita?

Fai ordini direttamente a mercato o lavori con i pendenti? Facendo intraday , in quali ore lavori principalmente?

Quante coppie segui contemporaneamente?

Scuse le tante domande ma la curiosità non è poca e ce ne sarebbero ancora.

So che può essere impegnativo e non sei tenuto a farlo: credo che se aprissi un thread dove a grandi linee spiegassi le caratteristiche del grafico a tick, le differenze sostanziali con il grafici temporali, come poterli interpretare per orientarsi verso una possibile operatività basata su questi grafici, sarebbe uno dei thread più utili di questo forum.
Non dico di spiegare la tua operatività ma aiutare noi tutti sia a comprendere meglio tante delle cose che hai detto spesso in questo forum e sia di aiutare a darci un minimo di basi concettuali per magari ognuno di noi iniziare a ritagliare un metodo alternativo a quelli che già usa.

bryan3100
Messaggi: 691
Iscritto il: 16/11/2014, 0:06

Re: Supporti e resistenze non esistono

Messaggio da bryan3100 » 04/09/2016, 19:30

che poi mi domando.se le banche quasi sicuramente conoscono le posizioni degli ordini,come mai poi si creano sempre crisi economiche date da svalutazioni eccessive?
vanno volontariamente al macello?
come si accede a questa famigerata piattaforma di 30k all'anno?chissà magari un giorno posso permettermela XD
my god

Rispondi