operatività di un professionista

Raccontateci come vanno gli affari e le vostre tecniche di money management

Moderators: riccardo1981, Dainesi

Jokko
Posts: 96
Joined: 18/05/2015, 10:22

operatività di un professionista

Post by Jokko » 08/01/2017, 15:24

Salve a tutti, volevo scrivere questo post per chi si affaccia la prima volta al mondo del trading in generale e non ha un idea chiara di come operano i professionisti del settore.

PREMESSA : non sono un professionista quello che scrivo è frutto della mia esperienza accumulata in questo campo nel arco di quasi 3 anni.

Cominciamo subito con il dire che, chi si affaccia a questo settore per la prima volta per la stragrande maggioranza è gente che ha bisogno di soldi o vuole più semplicemente fare soldi in modo veloce e senza faticare, almeno questo è quello che è successo a mè all'inizio.

Di conseguenza la prima cosa che farà una persona comune è cercare UNA "tecnica" o "strategia" e un "guru" che gli permetta di raggiungere il suo obbiettivo il prima possibile e con il minor sforzo possibile (il santo grall). E qui entrano in gioco tutti i venditori e imprenditori di questo settore che sfruttando una nicchia per così dire di DISPERAZIONE riescono a vendere molto facilmente corsi e guide ( a costi esorbitanti) contenenti svariati sistemi di trading per lo più discrezionali (con discrezionali intendo che hanno comunque delle regole da seguire ma che l'ultima scelta è a discrezione del trader) e qui cominciano i primi problemi...ci si accorge che si ci sono delle regole...ma che alla fine queste "regole" vengono interpretate (psicologia) da ogni trader in modo diverso. Ognuno ha la sua testa e ognuno fa a suo modo insomma. E cominciano ad incassare loss e perdite varie tutta la smania di vincita e di fare soldi (capitale psicologico) va a farsi benedire e la maggior parte abbandona il settore dopo aver perso svariate migliaia di euro.

Poi ci sono i venditori di expert advisor (robot automatici di trading) e qui veramente mi viene da ridere in maniera molto calcata, poichè quello che fa la persona comune ( con nessuna conoscenza di programmazione e funzionamento dei principali sistemi ) è farsi abbindolare da facili guadagni dati da questi robot. DI conseguenza la persona comune compra il robot lo monta su una vps casuale e lo fa girare in modo che i guadagni affluiscano a fiumi nelle sue tasche. Sfortunatamente dopo 1 mese o 2 se non prima si ritrova con il conto azzerato.

I professionisti del settore invece a differenza dei looser hanno una grande passione per quello che fanno, studiano ogni minimo dettaglio e cercano di capire il più possibile come diminuire il rischio e l'esposizione alla leva applicando tecniche di diversificazione del portafoglio. Uniscono un operatività discrezionale (meccanica) a una automatica. Hanno conoscenze di programmazione su piattaforme come multichart e trading station. Sanno testare elaborare nuovi sistemi e sono per lo più tecnici e ingegneri con buone conoscenze matematiche e algoritmiche il resto dal mio punto di vista sono carne da macello nel lungo termine ( a parte qualche rara eccezione).

Cosa ne pensate di quello che ho scritto in grandi linee?

Sponsor

Sponsor
 

speedtrack
Posts: 63
Joined: 03/01/2017, 2:33

Re: operatività di un professionista

Post by speedtrack » 08/01/2017, 15:59

si è abbastanza vero. Sono cose che apprendi piano piano nel tempo, anche perché è difficile trovare uno speculatore esperto da cui imparare, la maggior parte di quelli che sono sui social cercano solo di pubblicizzare la proprio corso o ea, e sono interessati unicamente alla vendita e alle commissioni di affiliazione. Senza contare gli attori pagati per stimolare la fame di rischio di gente inesperta. La passione, tecnica e matematica, aiutano, ma non danno la certezza di avere successo nella speculazione. Tali conoscenze risultano comunque molto utili nel caso si volesse aprire un'attività di brokeraggio o collocare un server per l'arbitraggio nelle piazze di scambio digitali, dove lavorano la maggior parte dei professionisti.

Jokko
Posts: 96
Joined: 18/05/2015, 10:22

Re: operatività di un professionista

Post by Jokko » 08/01/2017, 16:19

Passione tecnica e matematica non danno certezza di avere successo nella specualzione ma sicuramente aumento di mooooolto le probabilità.
Ti faccio un esempio: Ho sentito e parlato con molta gente che ha cominciato a fare trading automatico sin dall'inizio e ha fallito miseramente ha fallito perchè non sapeva nemmeno cosa fosse una variabile all'interno di un istruzione di un programma. Non sapeva come funzionava l'ea l'unica cosa che sapeva era che "poteva generare denaro automaticamente" questo è un lavaggio del cervello puro oltre ad una grandissima ignoranza in materia vuol dire non avere idea. Questo significa sfruttamento della gente e truffa aggravata eppure si va avanti a gonfie vele. Personalmente se devo riempirmi le tasche sull'ignoranza della gente preferisco averle vuote ma avere la mia coscienza apposto. Ma a quanto pare non vale per tutti la stessa cosa. Non ho ancora visto un servizio di qualità sul web che sia in grado di insegnare cosa sia la speculazione finanziaria alla gente con sincerità in modo che una persona possa dire (si fa al caso mio è il mio settore ho già delle conoscenze di base) oppure (no non è il mio settore mi cerco qualcosa d'altro) è una ciofeca.

speedtrack
Posts: 63
Joined: 03/01/2017, 2:33

Re: operatività di un professionista

Post by speedtrack » 08/01/2017, 17:00

condivido. Tutte le tecniche più usate per la speculazione non sono vere e proprie scienze, modelli dai quali si possono ricavare verità oggettive. Come nell'analisi tecnica: è molto semplice per chiunque dimostrare la verità di un pattern basandosi su delle premesse scelte ad hoc, che false o vere che siano, non rispecchiano mai il quadro completo dello stato del mercato, semplicemente perchè il quadro completo è troppo complesso per essere studiato con precisione nella sua interezza

Dux75
Posts: 37
Joined: 19/06/2016, 10:00

Re: operatività di un professionista

Post by Dux75 » 08/01/2017, 18:38

Jokko wrote:Passione tecnica e matematica non danno certezza di avere successo nella specualzione ma sicuramente aumento di mooooolto le probabilità.
Ti faccio un esempio: Ho sentito e parlato con molta gente che ha cominciato a fare trading automatico sin dall'inizio e ha fallito miseramente ha fallito perchè non sapeva nemmeno cosa fosse una variabile all'interno di un istruzione di un programma. Non sapeva come funzionava l'ea l'unica cosa che sapeva era che "poteva generare denaro automaticamente" questo è un lavaggio del cervello puro oltre ad una grandissima ignoranza in materia vuol dire non avere idea. Questo significa sfruttamento della gente e truffa aggravata eppure si va avanti a gonfie vele. Personalmente se devo riempirmi le tasche sull'ignoranza della gente preferisco averle vuote ma avere la mia coscienza apposto. Ma a quanto pare non vale per tutti la stessa cosa. Non ho ancora visto un servizio di qualità sul web che sia in grado di insegnare cosa sia la speculazione finanziaria alla gente con sincerità in modo che una persona possa dire (si fa al caso mio è il mio settore ho già delle conoscenze di base) oppure (no non è il mio settore mi cerco qualcosa d'altro) è una ciofeca.
Parole sante

robbi58
Posts: 237
Joined: 18/05/2014, 15:42

Re: operatività di un professionista

Post by robbi58 » 09/01/2017, 0:42

Potrebbe anche essere che siano i professionisti le vittime preferite da chi tira i fili.
Credo che le trappole siano fatte più per loro che non per quelli che non capiscono nulla e che potrebbero addirittura andare nella direzione giusta sommando errori d'interpretazione.
Più si studia e ci si impegna e maggiore è il rischio di diventare la vittima ideale del sistema.
Perché si creano delle aspettative, perché ci si convince che con più applicazione e studio si può arrivare alla meta.
Ma il traguardo si continua a spostare sempre più in là.
Più conosci e più ti rendi conto che è praticamente impossibile conoscere i veri meccanismi del forex.
Pagherei per sapere come cambierebbe il movimento dei prezzi se nessuno più utilizzasse gli stoploss.

Nightrader
Posts: 577
Joined: 27/01/2016, 13:16

Re: operatività di un professionista

Post by Nightrader » 09/01/2017, 14:32

robbi58 wrote: Perché si creano delle aspettative, perché ci si convince che con più applicazione e studio si può arrivare alla meta.
Ma il traguardo si continua a spostare sempre più in là.
Una delle prime cose da fare è capire se il traguardo esiste, se la meta a cui puntiamo si trova davvero li, e soprattutto per quanto può rimanere li.
I mercati cambiano, se la maggior parte dei traders raggiungesse la meta, i meccanismi cambierebbero, e la meta si sposterebbe.
"Molte scorciatoie sono la strada più breve per tornare al punto di partenza."

User avatar
LVCA
Posts: 1411
Joined: 17/05/2014, 21:10

Re: operatività di un professionista

Post by LVCA » 11/01/2017, 9:09

robbi58 wrote: Più conosci e più ti rendi conto che è praticamente impossibile conoscere i veri meccanismi del forex.
Pagherei per sapere come cambierebbe il movimento dei prezzi se nessuno più utilizzasse gli stoploss.
Prova a riflettere bene su quello che hai scritto e scoprirai una grande verità

paolosurf72
Posts: 339
Joined: 01/08/2014, 11:54

Re: operatività di un professionista

Post by paolosurf72 » 12/01/2017, 2:56

Jokko wrote: ..........................studiano ogni minimo dettaglio e cercano di capire il più possibile come diminuire il rischio............. tecniche di diversificazione del portafoglio........... operatività discrezionale (meccanica) a una automatica
già questo sarebbe un grosso passo avanti... ;)

User avatar
pitDiabolik
Posts: 208
Joined: 14/05/2014, 0:03
Location: Clerville

Re: operatività di un professionista

Post by pitDiabolik » 20/01/2017, 19:16

Jokko wrote:
Uniscono un operatività discrezionale (meccanica) a una automatica. Hanno conoscenze di programmazione su piattaforme come multichart e trading station. Sanno testare elaborare nuovi sistemi e sono per lo più tecnici e ingegneri con buone conoscenze matematiche e algoritmiche il resto dal mio punto di vista sono carne da macello nel lungo termine ( a parte qualche rara eccezione).

Cosa ne pensate di quello che ho scritto in grandi linee?
Il discrezionale, in genere, nn è meccanico... ma son disquisizioni... ciò che volevo sottolineare, invece, è "la conoscenza di programmazione" di un prof.....

Assolutamente no!

Esiste il trader e il programmatore, a volte (raramente) le due cose coincidono, spesso no... a dirla tutta esite una 3° figura: chi mette i $$$ che può (anche) nn coincidere con nessuna delle 2 precedenti.


Ciao & buon trading! :green:

Post Reply

Who is online

Users browsing this forum: No registered users and 0 guests