FINANZIARIAMENTE INDIPENDENTI

Raccontateci come vanno gli affari e le vostre tecniche di money management

Moderators: riccardo1981, Dainesi

User avatar
LVCA
Posts: 1411
Joined: 17/05/2014, 21:10

Re: FINANZIARIAMENTE INDIPENDENTI

Post by LVCA » 23/10/2016, 11:09

Ho letto un pò di commenti , e non replicherò più a questa discussione perchè è troppo difficile ...

In generale dico solo questo , qua secondo me state banalizzando un pò tutto

DIco queste semplici cose e poi chiudo :

1 ) Fare il formatore è una professionalità specialistica molto difficile , non è per tutti , e per diventare un formatore professionista servono almeno 5/10 anni tra studio ed esperienza full time e ci si migliora costantemente nel corso dell' intera vita

2 ) Fare il commerciale è una professionalità specialistica molto difficile , non è per tutti , e per diventare un commerciale professionista servono almeno 5/10 anni tra studio ed esperienza full time e ci si migliora costantemente nel corso dell' intera vita

3 ) Fare il trader è una professionalità specialistica molto difficile , non è per tutti , e per diventare un trader professionista servono almeno 5/10 anni tra studio ed esperienza full time e ci si migliora costantemente nel corso dell' intera vita

4 ) Fare l' imprenditore è una professionalità specialistica molto difficile , non è per tutti , e per diventare un imprenditore professionista servono almeno 5/10 anni tra studio ed esperienza full time e ci si migliora costantemente nel corso dell' intera vita


Ora , per pensare di diventare finanziariamente indipendenti con il trading devi creare un' azienda di trading , e per creare un' azienda di successo nel trading devi possedere un mix di tante capacità

In particolare per creare un' azienda nel trading , così in ordine sparso e come per qualsiasi altra azienda dovrai :


1) Creare un prodotto o un servizio ( in questi caso avente come oggetto il trading )

2) Trovare dei soci , partner e/o dei collaboratori

3) Trovare eventuali finanziatori

4) Gestire gli aspetti ammnistrativi, legali e fiscali

5) Selezionare i fornitori

6) Creare la strategia commerciale

7) Creare il portafoglio clienti


Bisogna essere realistici

E' impensabile che una qualsiasi persona che magari già lavora come dipendente da qualche parte , magari ha già una famiglia , e soprattutto se non ha la minima capacità in nessuna delle professionalità sopra descritte ( che ricordiamo per essere acquisite necessitano di molti anni di impegno full time ),

si metta magari la sera un paio di orette nella sua stanzetta con il suo conticino e da li dal nulla diventi finanziariamente indipendente con il trading ....

secondo me è pura utopia

la puoi fare ma devi mettere la testa fuori dalla stanzetta e creare un' azienda
Last edited by LVCA on 23/10/2016, 11:38, edited 7 times in total.

Sponsor

Sponsor
 

camparino
Posts: 64
Joined: 20/05/2016, 9:19

Re: FINANZIARIAMENTE INDIPENDENTI

Post by camparino » 23/10/2016, 11:10

50.000 euro sono più che sufficienti.
E' il punto 2. che fa la differenza. Se ne discute da 1000 anni. Dubito che troveremo la risposta.

riccardo1981
Posts: 2043
Joined: 11/05/2014, 13:36

Re: FINANZIARIAMENTE INDIPENDENTI

Post by riccardo1981 » 23/10/2016, 11:15

Non ho ancora capito cosa significhi Finanziariamente indipendenti..

Perché se significa abbandonare il lavoro da dipendente e poter fare il trader da qualsiasi parte è una cosa, ma non dover proprio far più nulla e avere delle rendite automatiche credo che vi servano ben più di 50K euro...
Gli affari si fanno al momento dell'acquisto
Se non sai perdere, lascia perdere

User avatar
Singha
Posts: 56
Joined: 26/08/2014, 16:10

Re: FINANZIARIAMENTE INDIPENDENTI

Post by Singha » 23/10/2016, 11:19

LVCA wrote:Ho letto un pò di commenti , e non replicherò più a questa discussione perchè è troppo difficile ...

Ora , per pensare di diventare finanziariamente indipendenti con il trading devi creare un' azienda di trading , e per creare un' azienda di successo nel trading devi possedere un mix di tante capacità

In particolare per creare un' azienda nel trading , così in ordine sparso e come per qualsiasi altra azienda dovrai :


1) Creare un prodotto o un servizio ( in questi caso avente come oggetto il trading )

2) Trovare dei soci , partner e/o dei collaboratori

3) Trovare eventuali finanziatori

4) Selezionare i fornitori

4) Creare la strategia commerciale

5) Creare il portafoglio clienti


Bisogna essere realistici

E' impensabile che una qualsiasi persona che magari già lavora come dipendente da qualche parte , magari ha già una famiglia , magari non ha la minima capacità in nessuna delle professionalità sopra descritte ,

si metta magari la sera un paio di orette nella sua stanzetta con il suo conticino e da li diventi finanziariamente indipendente con il trading ....

è pura utopia
Considerazioni molto interessanti. M i trovi pienanmente d'accordo, anzi sei entrato nel vivo del punto 2.
Quindi non più trader professionista ma trader imprenditore.

Però Luca, dai, non abbandonare la discussione. I tuoi contributi sono sempre molto ineterssanti.

User avatar
Singha
Posts: 56
Joined: 26/08/2014, 16:10

Re: FINANZIARIAMENTE INDIPENDENTI

Post by Singha » 23/10/2016, 11:23

riccardo1981 wrote:Non ho ancora capito cosa significhi Finanziariamente indipendenti..

Perché se significa abbandonare il lavoro da dipendente e poter fare il trader da qualsiasi parte è una cosa, ma non dover proprio far più nulla e avere delle rendite automatiche credo che vi servano ben più di 50K euro...
Non dover più lavorare.

E ovvio che con 50.000 euro non ci fai nulla. Era solo un ipotetico punto di partenza. E ovvio che se si parte con 100/200K è sicuramente molto meglio.

User avatar
Singha
Posts: 56
Joined: 26/08/2014, 16:10

Re: FINANZIARIAMENTE INDIPENDENTI

Post by Singha » 23/10/2016, 12:05

Arrivati a questo punto vorrei sviscerare l’aspetto che riguarda la differenza fra Trader Professionista e Trader Imprenditore.

Dal mio punto di vista il Trader Professionista è colui che tutte le mattine si alza e trascorre le sue giornate davanti al computer, tradando la propria strategia, e sperando di realizzare quel tot numero di pip per pagare le bollette, fare la spesa, fare il pieno all’auto e togliersi qualche sfizio.

Il Trader Professionista, come qualsiasi altro professionista (Avvocato, Medico, Ingegnere, Commercialista, ecc.) magari potrà guadagnare bene e svolgere un’attività che ritiene appagante, ma sicuramente non raggiugerà mai l’indipendenza Finanziaria.

In qualsiasi campo lavorativo la maggior parte di coloro che hanno raggiunto l’indipendenza Finanziaria lo hanno fatto attraverso lo sviluppo di attività imprenditoriali, quindi il primo passo da fare per poter ipotizzare l’ottenimento della tranquillità economica è quello di trasformarsi da Trader Professionista a Trader Imprenditore.

Come? Se vi va proviamo a ragionarci sopra. Già nel precedente post di Luca ci sono spunti molto interessanti sui quali iniziare a lavorare.

riccardo1981
Posts: 2043
Joined: 11/05/2014, 13:36

Re: FINANZIARIAMENTE INDIPENDENTI

Post by riccardo1981 » 23/10/2016, 12:15

Il trader imprenditore, secondo me, è colui che anziché svegliarsi la mattina per eseguire trade manuali ha il suo bel portfolio con "n" strategie che spaziano dalle valute alle opzioni etc.. Come persona deve "solamente" controllare che i TS lavorino correttamente. La giornata la trascorre nello sviluppare altri TS, li testa e li mette a lavorare in un ambiente pre-prod ( in real ma come cifre ragionevoli ).

Nel frattempo inizia a scrivere un libro, inizia a tenere corsi..

Un esempio? Luca Giusti e/o Andrea Unger ( e vi garantisco che non sono qui a sponsorizzare nulla di ciò che propongono ).

Soldi permettendo non scarterei nemmeno l'investimento immobiliare ( i "famosi" stralci.. anche qui non in prima persona ma delegando a professionisti)..
Gli affari si fanno al momento dell'acquisto
Se non sai perdere, lascia perdere

User avatar
Singha
Posts: 56
Joined: 26/08/2014, 16:10

Re: FINANZIARIAMENTE INDIPENDENTI

Post by Singha » 23/10/2016, 12:23

riccardo1981 wrote:Il trader imprenditore, secondo me, è colui che anziché svegliarsi la mattina per eseguire trade manuali ha il suo bel portfolio con "n" strategie che spaziano dalle valute alle opzioni etc.. Come persona deve "solamente" controllare che i TS lavorino correttamente. La giornata la trascorre nello sviluppare altri TS, li testa e li mette a lavorare in un ambiente pre-prod ( in real ma come cifre ragionevoli ).

Nel frattempo inizia a scrivere un libro, inizia a tenere corsi..

Un esempio? Luca Giusti e/o Andrea Unger ( e vi garantisco che non sono qui a sponsorizzare nulla di ciò che propongono ).

Soldi permettendo non scarterei nemmeno l'investimento immobiliare ( i "famosi" stralci.. anche qui non in prima persona ma delegando a professionisti)..
Ottimo Riccardo. Credo che la discussione cominci ad avviarsi nella giusta direzione.

Anche il trading immobiliare potrebbe rappresentare una via per moltiplicare il capitale. Certo è che gli stralci non sono cosa semplice e non so se si trovano professionisti che lo fanno al posto tuo. Cosa più fattibile sono le Aste Giudiziarie

riccardo1981
Posts: 2043
Joined: 11/05/2014, 13:36

Re: FINANZIARIAMENTE INDIPENDENTI

Post by riccardo1981 » 23/10/2016, 13:14

Come per tutte le cose è fondamentale informarsi prima. Ci sono professionisti anche sugli stralci e se la cosa interessa danno anche la possibilità di "imparare" il mestiere.. Ma non è il mio caso .. Io sto cercando invece di focalizzarmi proprio nel trovare chi più di me può dare valore aggiunto a miei risparmi..
Piccolo OT .. stavo giusto guardando la puntata di report della settimana scorsa sugli investimenti.. c'è da piangere per l'ignoranza finanziaria che c'è in giro.. ma nonostante tutto prima si investe e poi si controlla... Chiuso OT
Gli affari si fanno al momento dell'acquisto
Se non sai perdere, lascia perdere

User avatar
ciglie
Posts: 870
Joined: 28/08/2015, 20:10

Re: FINANZIARIAMENTE INDIPENDENTI

Post by ciglie » 23/10/2016, 17:32

riccardo1981 wrote:Come per tutte le cose è fondamentale informarsi prima. Ci sono professionisti anche sugli stralci e se la cosa interessa danno anche la possibilità di "imparare" il mestiere.. Ma non è il mio caso .. Io sto cercando invece di focalizzarmi proprio nel trovare chi più di me può dare valore aggiunto a miei risparmi..
Piccolo OT .. stavo giusto guardando la puntata di report della settimana scorsa sugli investimenti.. c'è da piangere per l'ignoranza finanziaria che c'è in giro.. ma nonostante tutto prima si investe e poi si controlla... Chiuso OT
Deve essere la stessa che ho guardato io...

Cmq mi sembra che la discussione si sia indirizzata dal particolare (come diventare finanziariamente indipendenti facendo trading) al generale (come diventare finanziariamente indipendenti,punto.)..che è molto interessante, ci mancherebbe.

Quindi credo che la risposta alla prima situazione sia stata più o meno data. Non è possibile con il solo trading diventare finanziariamente indipendenti, intendendo con ciò non fare più un caiser perché abbiamo accumulato tanti di quei soldi che ci basteranno per tutta la vita...la mia cifra era sui 2 milioni di euro partendo da 100.000 e per realizzarla con una strategia a basso rischio ci vogliono 10 anni e forse più...allora forse in teoria sarebbe possibile, ma è anche la più conveniente? In 10 anni e passa non ci sono altri modi più redditizi di far fruttare qui 100.000 euro?

Tuttavia credo sia possibile vivere di solo trading, e personalmente è quello che cerco di raggiungere. Ovvero lavorare tot ore al pc e guadagnare il giusto per non farsi mancare nulla. La cifra iniziale per questa cosa dovrebbe partire da un minimo di 50.000 euro...meglio il doppio...mirando ad un 5% mensile, con la nostra bella strategia...ecco io non ho un conto del genere, ma la % la si può raggiungere con qualsiasi conto di partenza per capire se ne saremmo capaci...difatti a dire il vero la mia è solo una speranza, perché non so neanche se sia possibile questa cosa,..questo perché per ora non ci sto riuscendo, sono solo 3 mesi consecutivi che il mio conto chiude in positivo e la media non è il 5%. Conclusione? Solo chi ci è riuscito e ci sta riuscendo può rispondere a questa domanda.

Aggiungo che sono perfettamente consapevole che il "Trading" non è solo stare davanti a dei grafici a comprare/vendere...ma può essere fatto in maniera più o meno professionale e comprende una serie di attività parallele, tipo quella di vendere segnali o collaborare con Broker e Banche ecc...però io miro e valuto solo la questione retail casalingo, ovvero un semplice cittadino che tramite un pc riesce a fare i soldi per vivere con quel capitale di partenza cui accennavo...utopia?
...il mercato non è proprio un posto dove metti dei soldi e serenamente li moltiplichi...

Post Reply

Who is online

Users browsing this forum: Google [Bot] and 2 guests