Supporti e resistenze non esistono

Imparare a riconoscere i pattern e le emozioni del mercato

Moderator: Uidro

User avatar
Enthroned
Posts: 208
Joined: 19/09/2014, 19:16

Re: Supporti e resistenze non esistono

Post by Enthroned » 01/09/2016, 22:36

Non per prendere le difese di Lvca ma ragionateci un po a quanto ha detto,se non vi ha aperto un mondo è difficile riuscirlo a comprendere ciò che vi sta illustrando...solo oggi ho letto questo thread e alcune cose sono state cancellate (ahimè)...
a mio avviso spetta a chi legge determinate cose,cercare di cogliere ciò che Lvca vuole far capire(per me è stato fin troppo chiaro),basta mettere un minimo impegno e voglia di scoprire...
provate a parlare con molti corsisti (o meglio insegnanti) del perché non usano i grafici a n-ticks,vedrete cosa vi risponderanno...
Tutto in guerra si basa sull'inganno: se il tuo nemico è superiore eludilo, se è irato irritalo, se è di pari forza lotta, altrimenti sparisci e riconsidera...

Sponsor

Sponsor
 

bryan3100
Posts: 682
Joined: 16/11/2014, 0:06

Re: Supporti e resistenze non esistono

Post by bryan3100 » 03/09/2016, 3:15

se posso intervenire,in merito alla entrate in base all'order flow.
se non erro si basano sugli scambi ad un determinato livello,sul volume di scambi effettuato a quel livello.
di conseguenza quel livello sarà per un motivo o per l'altro,molto,molto sentito e ciò determinerà una futura direzione del prezzo,ovvero uscendo da una zona di forte conflitto,mi viene in mente il RM,ovvio che ci sarà una spinta in una determinata direzione.in genere,anche se il RM non è forse lo stesso concetto che è qui spiegato,di volatilità si parla,si dovrà cmq aspettare una zona dove la volatilità si abbassa,ciò indicherebbe una direzione presa dal prezzo.
ho letto spesso delle strategie di LVCA,che non ho ben compreso,forse per il mio livello di conoscenza,e lui parla spesso di massimi e minimi,però entrare su un livello dove vi è un'alta volatilità,sempre col dovuto capitale è un rischio di non poco conto,quasi una scommessa 50 e 50,oltretutto tenendo in considerazione solo massimi e minimi ne verrebbe fuori un MM difficoltoso.
secondo la mia modesta opinione,non si può dire che S e R non esistono,lo sono numeri importanti come 1.10 1.05,e lo sono anche alcuni livelli che non sono numeri tondi,vi basta aprire una piattaforma e guardare gli SW ai livelli.
nel tempo il P viene continuamente influenzato da questi livelli.
tengo a precisare che i miei messaggi sono così come li leggete,semplici opinioni e non una sfida o affronto nei confronti di nessuno,che possono essere totalmente giuste o sbagliate,condivisibili o meno.io sono un "apprendista",non posso prendere in giro nessuno.chi ha orecchie per intendere intenda!
my god

magico32
Posts: 714
Joined: 24/05/2014, 6:31

Re: Supporti e resistenze non esistono

Post by magico32 » 04/09/2016, 11:33

lvca è un furbacchione, lo sa meglio di tutti noi che i livelli eisstono..

se non li vuole chiamare supporto o resistenza non ci interessa, proprio sul suo amato order book sul dom, sul tape, come cavolo si chiama, trovi dei prezzi in cui ci sono forti pressioni o in acquisto o in vendita, non sono altro che livelli, poi chimateli come vi pare.

User avatar
LVCA
Posts: 1411
Joined: 17/05/2014, 21:10

Re: Supporti e resistenze non esistono

Post by LVCA » 04/09/2016, 12:10

ma certo che i livelli esistono , ma chi ha mai detto il contrario ?

c'e' solo un piccolissimo problema : che nessuno sa dove siano ...

l' unico modo per sapere dove sono realmente supporti e resistenze è avere i book dell' interbancario ...

quando potrò permettermi di comprarmi una Bloomberg alla modica cifra di 30.000 euro all' anno dove hai i book dell' interbancario allora saprò dove sono i supporti e le resistenze ..

altrimenti in mancanza dei book che ti dicono dove e con quanti lotti è posizionata Deutsche Bank , Goldmans Sachs etc .... non saprò mai dove sono i supporti e le resistenze

quelli che chiamate supporti e resistenze sono solo righe tirate a caso su un grafico ...

ditemi se da un grafico a candele si può sapere dove è posizionata Deutsche BAnk ....

e se poi si pretende anche di costruire un' operatività basata su righe tirate a caso su un grafico la vedo molto dura venirne fuori ...

capite adesso cosa intendo per mancanza di informazioni ( la mancanza dei book dei market mover ) e del trading fatto " come guardare le forma nuvole " ( righe tirate a caso sui grafici . ognuno tira le sue righe a caso sullo stesso grafico , proprio come ognuno vede le sue forme guardando le nuvole ) ?

navajo
Posts: 1534
Joined: 18/05/2014, 13:14

Re: Supporti e resistenze non esistono

Post by navajo » 04/09/2016, 12:45

LVCA wrote:ma certo che i livelli esistono , ma chi ha mai detto il contrario ?

c'e' solo un piccolissimo problema : che nessuno sa dove siano ...

l' unico modo per sapere dove sono realmente supporti e resistenze è avere i book dell' interbancario ...

quando potrò permettermi di comprarmi una Bloomberg alla modica cifra di 30.000 euro all' anno dove hai i book dell' interbancario allora saprò dove sono i supporti e le resistenze ..

altrimenti in mancanza dei book che ti dicono dove e con quanti lotti è posizionata Deutsche Bank , Goldmans Sachs etc .... non saprò mai dove sono i supporti e le resistenze

quelli che chiamate supporti e resistenze sono solo righe tirate a caso su un grafico ...

ditemi se da un grafico a candele si può sapere dove è posizionata Deutsche BAnk ....

e se poi si pretende anche di costruire un' operatività basata su righe tirate a caso su un grafico la vedo molto dura venirne fuori ...

capite adesso cosa intendo per mancanza di informazioni ( la mancanza dei book dei market mover ) e del trading fatto " come guardare le forma nuvole " ( righe tirate a caso sui grafici . ognuno tira le sue righe a caso sullo stesso grafico , proprio come ognuno vede le sue forme guardando le nuvole ) ?
Indubbiamente come dici saranno righe tirate a caso, ma devi convenire che su un qualsiasi grafico ci sono delle aree/zone di prezzo dove " teoricamente ed in condizioni normali" il prezzo reagisce creando liquidità consumando i pending, non sapremo di che entità saranno gli ordini ma possiamo prevedere approssimativamente dove avverrà, senza tirare in ballo la forma delle candele guardando solo le zone quelle molto nette e pulite.
Lo studio dell'OF è un metodo, come lo sono Jarroo, Prezzo, Camelback.....................

navajo
Posts: 1534
Joined: 18/05/2014, 13:14

Re: Supporti e resistenze non esistono

Post by navajo » 04/09/2016, 12:48

Il vero problema del forex è quello dei 3 passi avanti e 2 indietro, devi essere talmente abile a fare il primo passo altrimenti è tempo perso.

User avatar
LVCA
Posts: 1411
Joined: 17/05/2014, 21:10

Re: Supporti e resistenze non esistono

Post by LVCA » 04/09/2016, 13:04

navajo wrote: Indubbiamente come dici saranno righe tirate a caso, ma devi convenire che su un qualsiasi grafico ci sono delle aree/zone di prezzo dove " teoricamente ed in condizioni normali" il prezzo reagisce creando liquidità consumando i pending, non sapremo di che entità saranno gli ordini ma possiamo prevedere approssimativamente dove avverrà, senza tirare in ballo la forma delle candele guardando solo le zone quelle molto nette e pulite.
Lo studio dell'OF è un metodo, come lo sono Jarroo, Prezzo, Camelback.....................
SI certo andando ad intuito qualcosa si può tirare fuori .

Ciò che mi lascia perplesso sono quei grafici dove vedo tirate una infinità di righe che sembra un quaderno a righe ....

Ma appunto ci devono essere delle logiche ... anch' io qualche volta tiro le mie righe a caso , ma sono 1 , massimo 2 per grafico ... perchè quel livello per fare da livello deve avere appunto liquidità da consumare .. ovvero deve essere visibile da tutti , deve essere giovane e deve essere bello verginello :) ( altro che livelli vecchi e toccati più volte ... quelli han già perso la verginità e più invecchiano , più vengono " usati " e meno diventano attrattivi , praticamente l' esatto contrario di quello che ci raccontano :) )

e comqunue li vai a beccare il parco buoi non i big boy , ma va bene anche quello perchè i big boy sono golosi di andare a " sverginare " quei livelli quindi è probabile che costruiscano dei movimenti per andare a prendere quella liquidità , e da li si possono fare dei ragionamenti

quindi massimi /minimi di mercato vergini , POC vergini ... qualcosa ad intuito si può trovare certo

869524
Posts: 667
Joined: 16/03/2015, 16:04

Re: Supporti e resistenze non esistono

Post by 869524 » 04/09/2016, 13:20

da robbi58 » ieri, 12:28

Il mio problema è che quando entro in scia dei famosi 200 contratti, dopo pochissimi minuti ne vedo passare 600 di verso contrario.
Allora mi metto in coda ai 600, e magicamente iniziano a passare, di nuovo in segno opposto, piccoli pacchetti di ordini, tutti contrari al mio e questo per ore e ore.
Allora mi basterebbe seguire i piccoli pacchetti, ma quando lo fai è quasi certo che ti arriva contro l'ordine gigantesco.
Come si gestisce questa situazione? Dove lo vedo questo ordine gigante che va contro la mia posizione prima di entrare a mercato? Quando un minimo o un massimo non vengono violati ma il prezzo rimane in quella zona dove, come, in che direzione entro? Dove metto lo stop? Dove metto il target? Se entro short, come faccio a sapere che fra 5 minuti una grande banca ha intenzione di entrare long? la grande banca, che vuole fare profitto, in qualche modo non farà arrivare il prezzo dove le interessa aprire un ordine di importo gigantesco in direzione opposta? In questo caso avrebbe interesse a far sapere dove e quando lo piazzerà?
E' possibile che i piccoli pacchetti di ordini siano inseriti per far arrivare il prezzo dove la grande banca vuole inserire l'ordine in direzione opposta e che quindi sia molto meglio non seguire i piccoli pacchetti?
E' possibile in qualche modo individuare un prezzo in cui ci sarà questa entrata a mercato?

navajo
Posts: 1534
Joined: 18/05/2014, 13:14

Re: Supporti e resistenze non esistono

Post by navajo » 04/09/2016, 13:34

LVCA wrote:
navajo wrote: Indubbiamente come dici saranno righe tirate a caso, ma devi convenire che su un qualsiasi grafico ci sono delle aree/zone di prezzo dove " teoricamente ed in condizioni normali" il prezzo reagisce creando liquidità consumando i pending, non sapremo di che entità saranno gli ordini ma possiamo prevedere approssimativamente dove avverrà, senza tirare in ballo la forma delle candele guardando solo le zone quelle molto nette e pulite.
Lo studio dell'OF è un metodo, come lo sono Jarroo, Prezzo, Camelback.....................
SI certo andando ad intuito qualcosa si può tirare fuori .

Ciò che mi lascia perplesso sono quei grafici dove vedo tirate una infinità di righe che sembra un quaderno a righe ....

Ma appunto ci devono essere delle logiche ... anch' io qualche volta tiro le mie righe a caso , ma sono 1 , massimo 2 per grafico ... perchè quel livello per fare da livello deve avere appunto liquidità da consumare .. ovvero deve essere visibile da tutti , deve essere giovane e deve essere bello verginello :) ( altro che livelli vecchi e toccati più volte ... quelli han già perso la verginità e più invecchiano , più vengono " usati " e meno diventano attrattivi , praticamente l' esatto contrario di quello che ci raccontano :) )

e comqunue li vai a beccare il parco buoi non i big boy , ma va bene anche quello perchè i big boy sono golosi di andare a " sverginare " quei livelli quindi è probabile che costruiscano dei movimenti per andare a prendere quella liquidità , e da li si possono fare dei ragionamenti

quindi massimi /minimi di mercato vergini , POC vergini ... qualcosa ad intuito si può trovare certo
Sei troppo impulsivo ragioniamo.
Devi spiegare cosa è un Book, come si crea liquidità,come si muove il prezzo, poi ogn'uno trae le proprie conclusioni.

BID: ASK:
10/120 10/160
10/110 10/150
10/100 10/140
10/90 10/130
Se ho bisogno di 40 contratti a £ 130 verrò eseguito in parte al miglior prezzo oppure svuoto il book in attesa nuovi contratti.
Questo muove il prezzo ma posso anche creare un fakey mettendo un ordine più grosso sapendo di non trovare la controparte.
Io tutto questo lo leggo con le candele, se le zone sono vecchie la liquidita in parte va ricreata tranne casi di cassettisti.

869524
Posts: 667
Joined: 16/03/2015, 16:04

Re: Supporti e resistenze non esistono

Post by 869524 » 04/09/2016, 13:39

Ma appunto ci devono essere delle logiche ... anch' io qualche volta tiro le mie righe a caso , ma sono 1 , massimo 2 per grafico ... perchè quel livello per fare da livello deve avere appunto liquidità da consumare .. ovvero deve essere visibile da tutti , deve essere giovane e deve essere bello verginello :) ( altro che livelli vecchi e toccati più volte ... quelli han già perso la verginità e più invecchiano , più vengono " usati " e meno diventano attrattivi , praticamente l' esatto contrario di quello che ci raccontano :) )


"tracciare il livello sulle chiusure dello swing più vicino al prezzo"

Post Reply

Who is online

Users browsing this forum: No registered users and 2 guests