Broker estero e fisco

Discussioni su aspetti fiscali, legali e normativi che si applicano nel forex...

Moderatori: riccardo1981, Dainesi

andreamf
Messaggi: 8
Iscritto il: 19/10/2017, 11:44

Broker estero e fisco

Messaggio da andreamf » 19/10/2017, 17:27

Buongiorno a tutti!
probabilmente in qualche parte nel forum avete già parlato di questo...e qualcosina ho anche letto ma niente riusciva a soddisfare i miei dubbi fino in fondo! Ora vi spiego...
E' da quest'estate che mi sono affacciato per la prima volta al mondo del trading. Ho iniziato a leggere qualche libro...vedermi qualche piattaforma...ho aperto svarianti conti demo per vedere quella con cui meglio mi trovavo...in primis ho aperto Plus500...poi sono passato a Markets.com, quindi IGmarket, Activetrade ed infine STO. Con il nuovo anno vorrei aprire il primo conto reale, ovviamente non mi voglio impegnare con cifre...per questo motivo ero propenso ad aprire un conto con Markets.com...ho visto all'interno del forum che in media ne parlate abbastanza bene, l'idea che offra i "famosi" 25€ (sapendo benissimo che sono nulla...) per cui partire da qualche € senza dovre fare subito un bonifico e la piattaforma abbastanza intuitiva mi hanno spinto a sceglierlo.
Ora so già che magari (avendo già letto post scritti su questo forum e su altri ad altri principianti) alcuni di voi mi potrebbero dire di non farmi problemi sul fisco che tanto perderò i soldi. Ma io per abitudine se faccio una cosa voglio cercare quanto più possibile di avere tutto sotto controllo da dove e con quanto parto e, quantomeno, dove vorrei arrivare.
Quindi la questione è questa: Ipotiziamo l'apertura del conto a gennaio 2018 a fine anno ho una plusvalenza di 5€ su questi devo pagare il 26% nella dichiarazione consegnata a aprile maggio 2019. Fin qui è giusto?
Per quanto riguarda la Tobin Tax sul Forex che sappia io non è presente ma sull'azionario si...ora mi stavo chiedendo la tobintax non c'è in tutti i paesi Cipro è uno di questi (luogo in cui a sede Markets.com) se io anche solo per ipetesi comprassi un azione (cfd) io su questo devo pagare la Tobintax allo stato oppure sono il 26% sulla plusvalenza come detto sopra?
Questa 26% si paga attraverso dichiarazione dei redditi con il modello 730...si può fare anche con l'Unico?
Infine e concludo...ho chiesto direttamente Markets.com la questione fiscale e loro come immaginavo mi hanno detto che possono rilascare un documento che attesta i movimenti con i guadagni e le perdite...vi chiedo se qualcuno che conosce meglio questo broker può confermarmi questa cosa...ovvero che il documento che rilascano sia effettivamente esaustivo per portarlo da un commercialista e adempiere al fisco.
Sperando che qualcuno legga questo intervento se pur molto lungo vi ringrazio e saluto!
Andrea

Sponsor

Sponsor
 

gravio
Messaggi: 455
Iscritto il: 26/07/2015, 13:26

Re: Broker estero e fisco

Messaggio da gravio » 19/10/2017, 18:36

da fineco:
L’ art. 1 della legge n. 228 del 2012 ai comma 491-499 prevede l’istituzione di un’imposta sulle transazioni finanziarie, a partire dal 1 marzo 2013.
La cosiddetta Tobin Tax si applica ai trasferimenti di proprietà di azioni e strumenti partecipativi emessi da società residenti nel territorio dello Stato.
Nello specifico saranno soggette alla tassa tutte le transazioni (a carico del solo acquirente) su azioni di Società italiane quotate aventi capitalizzazione superiore a 500 milioni di euro (al 30 Novembre di ogni anno), a prescindere dal paese dal quale proviene l’ordine o del mercato in cui tali società sono quotate. Sono soggette a Tobin Tax tutte le società non quotate sui mercati regolamentati anche se sottocapitalizzate.

Aliquote e modalità di applicazione
> L’aliquota prevista per le transazioni su azioni è dello 0,10% sul controvalore del saldo netto positivo di fine giornata.
L’applicazione della tassa, per le sole azioni, avviene sul saldo netto di fine giornata relativo allo stesso strumento finanziario, vale a dire per le sole operazioni che a fine giornata generano un saldo positivo rispetto al saldo del giorno precedente.
Di conseguenza la tassa non verrà applicata sulle operazioni aperte e chiuse nella stessa giornata.

stefabst
Messaggi: 11
Iscritto il: 22/08/2017, 12:32

Re: Broker estero e fisco

Messaggio da stefabst » 20/10/2017, 12:21

andreamf ha scritto:
19/10/2017, 17:27
Buongiorno a tutti!
....
Per quanto riguarda la Tobin Tax sul Forex che sappia io non è presente ma sull'azionario si...ora mi stavo chiedendo la tobintax non c'è in tutti i paesi Cipro è uno di questi (luogo in cui a sede Markets.com) se io anche solo per ipetesi comprassi un azione (cfd) io su questo devo pagare la Tobintax allo stato oppure sono il 26% sulla plusvalenza come detto sopra?
Questa 26% si paga attraverso dichiarazione dei redditi con il modello 730...si può fare anche con l'Unico?
...
Le plusvalenze/minusvalenze si possono dichiarare solamente con l'Unico (quadro RT).
Inoltre devi pagare l'IVAFE (quadro RW) sul saldo a fine anno in quanto il broker è estero.

Come scrivi anche tu, per le azioni utilizzi un CFD e quindi non le possiedi: di conseguenza si paga solo
il 26% sulla plusvalenza (o detrai la minusvalenza).

andreamf
Messaggi: 8
Iscritto il: 19/10/2017, 11:44

Re: Broker estero e fisco

Messaggio da andreamf » 20/10/2017, 20:36

gravio ha scritto:
19/10/2017, 18:36
da fineco:
L’ art. 1 della legge n. 228 del 2012 ai comma 491-499 prevede l’istituzione di un’imposta sulle transazioni finanziarie, a partire dal 1 marzo 2013.
La cosiddetta Tobin Tax si applica ai trasferimenti di proprietà di azioni e strumenti partecipativi emessi da società residenti nel territorio dello Stato.
Nello specifico saranno soggette alla tassa tutte le transazioni (a carico del solo acquirente) su azioni di Società italiane quotate aventi capitalizzazione superiore a 500 milioni di euro (al 30 Novembre di ogni anno), a prescindere dal paese dal quale proviene l’ordine o del mercato in cui tali società sono quotate. Sono soggette a Tobin Tax tutte le società non quotate sui mercati regolamentati anche se sottocapitalizzate.

Aliquote e modalità di applicazione
> L’aliquota prevista per le transazioni su azioni è dello 0,10% sul controvalore del saldo netto positivo di fine giornata.
L’applicazione della tassa, per le sole azioni, avviene sul saldo netto di fine giornata relativo allo stesso strumento finanziario, vale a dire per le sole operazioni che a fine giornata generano un saldo positivo rispetto al saldo del giorno precedente.
Di conseguenza la tassa non verrà applicata sulle operazioni aperte e chiuse nella stessa giornata.
Ti ringrazio moltissimo delle info che mi hai fornito! Come giustamente mi faceva notare stefabst, in realtà non sono azioni ma cfd (come avevo scritto), pur sapendo che azione e cfd fossero due cose diverse non sapevo che a livello fiscale comprando il cfd di FCA non ci fosse da pagare la TobinTax che invece è necessario pagare acquistando l'azione di FCA (a titolo esemplificativo). Ad ogni modo grazie davvero della risposta!

andreamf
Messaggi: 8
Iscritto il: 19/10/2017, 11:44

Re: Broker estero e fisco

Messaggio da andreamf » 20/10/2017, 20:41

stefabst ha scritto:
20/10/2017, 12:21
andreamf ha scritto:
19/10/2017, 17:27
Buongiorno a tutti!
....
Per quanto riguarda la Tobin Tax sul Forex che sappia io non è presente ma sull'azionario si...ora mi stavo chiedendo la tobintax non c'è in tutti i paesi Cipro è uno di questi (luogo in cui a sede Markets.com) se io anche solo per ipetesi comprassi un azione (cfd) io su questo devo pagare la Tobintax allo stato oppure sono il 26% sulla plusvalenza come detto sopra?
Questa 26% si paga attraverso dichiarazione dei redditi con il modello 730...si può fare anche con l'Unico?
...
Le plusvalenze/minusvalenze si possono dichiarare solamente con l'Unico (quadro RT).
Inoltre devi pagare l'IVAFE (quadro RW) sul saldo a fine anno in quanto il broker è estero.

Come scrivi anche tu, per le azioni utilizzi un CFD e quindi non le possiedi: di conseguenza si paga solo
il 26% sulla plusvalenza (o detrai la minusvalenza).
Grazie moltissimo dell'indicazione...
Per cui ricapitolando il 26% lo pago nel quadro RT (nel modello Unico PF2017 sotto il nome di RX19 o RX20) e l'IVAFE nel quadro RW che si traduce nel 2x1000 + 34,50€ per conti esteri superiori ai 5000€. Giusto?
Sicuramente mi farò aiutare da un commercialista ma era per capire bene!
Ti ringrazo nuovamente
Saluti

gravio
Messaggi: 455
Iscritto il: 26/07/2015, 13:26

Re: Broker estero e fisco

Messaggio da gravio » 20/10/2017, 21:00

andreamf ha scritto:
20/10/2017, 20:36
gravio ha scritto:
19/10/2017, 18:36
da fineco:
L’ art. 1 della legge n. 228 del 2012 ai comma 491-499 prevede l’istituzione di un’imposta sulle transazioni finanziarie, a partire dal 1 marzo 2013.
La cosiddetta Tobin Tax si applica ai trasferimenti di proprietà di azioni e strumenti partecipativi emessi da società residenti nel territorio dello Stato.
Nello specifico saranno soggette alla tassa tutte le transazioni (a carico del solo acquirente) su azioni di Società italiane quotate aventi capitalizzazione superiore a 500 milioni di euro (al 30 Novembre di ogni anno), a prescindere dal paese dal quale proviene l’ordine o del mercato in cui tali società sono quotate. Sono soggette a Tobin Tax tutte le società non quotate sui mercati regolamentati anche se sottocapitalizzate.

Aliquote e modalità di applicazione
> L’aliquota prevista per le transazioni su azioni è dello 0,10% sul controvalore del saldo netto positivo di fine giornata.
L’applicazione della tassa, per le sole azioni, avviene sul saldo netto di fine giornata relativo allo stesso strumento finanziario, vale a dire per le sole operazioni che a fine giornata generano un saldo positivo rispetto al saldo del giorno precedente.
Di conseguenza la tassa non verrà applicata sulle operazioni aperte e chiuse nella stessa giornata.
Ti ringrazio moltissimo delle info che mi hai fornito! Come giustamente mi faceva notare stefabst, in realtà non sono azioni ma cfd (come avevo scritto), pur sapendo che azione e cfd fossero due cose diverse non sapevo che a livello fiscale comprando il cfd di FCA non ci fosse da pagare la TobinTax che invece è necessario pagare acquistando l'azione di FCA (a titolo esemplificativo). Ad ogni modo grazie davvero della risposta!
io avevo sottolineato che si paga solo sull'azionario italiano, a prescindere dalla residenza fiscale del broker, ma si paga anche sui cfd
https://www.ig.com/it/tobin-tax

andreamf
Messaggi: 8
Iscritto il: 19/10/2017, 11:44

Re: Broker estero e fisco

Messaggio da andreamf » 20/10/2017, 22:40

gravio ha scritto:
20/10/2017, 21:00
andreamf ha scritto:
20/10/2017, 20:36
gravio ha scritto:
19/10/2017, 18:36
da fineco:
L’ art. 1 della legge n. 228 del 2012 ai comma 491-499 prevede l’istituzione di un’imposta sulle transazioni finanziarie, a partire dal 1 marzo 2013.
La cosiddetta Tobin Tax si applica ai trasferimenti di proprietà di azioni e strumenti partecipativi emessi da società residenti nel territorio dello Stato.
Nello specifico saranno soggette alla tassa tutte le transazioni (a carico del solo acquirente) su azioni di Società italiane quotate aventi capitalizzazione superiore a 500 milioni di euro (al 30 Novembre di ogni anno), a prescindere dal paese dal quale proviene l’ordine o del mercato in cui tali società sono quotate. Sono soggette a Tobin Tax tutte le società non quotate sui mercati regolamentati anche se sottocapitalizzate.

Aliquote e modalità di applicazione
> L’aliquota prevista per le transazioni su azioni è dello 0,10% sul controvalore del saldo netto positivo di fine giornata.
L’applicazione della tassa, per le sole azioni, avviene sul saldo netto di fine giornata relativo allo stesso strumento finanziario, vale a dire per le sole operazioni che a fine giornata generano un saldo positivo rispetto al saldo del giorno precedente.
Di conseguenza la tassa non verrà applicata sulle operazioni aperte e chiuse nella stessa giornata.
Ti ringrazio moltissimo delle info che mi hai fornito! Come giustamente mi faceva notare stefabst, in realtà non sono azioni ma cfd (come avevo scritto), pur sapendo che azione e cfd fossero due cose diverse non sapevo che a livello fiscale comprando il cfd di FCA non ci fosse da pagare la TobinTax che invece è necessario pagare acquistando l'azione di FCA (a titolo esemplificativo). Ad ogni modo grazie davvero della risposta!
io avevo sottolineato che si paga solo sull'azionario italiano, a prescindere dalla residenza fiscale del broker, ma si paga anche sui cfd
https://www.ig.com/it/tobin-tax
Grazie! Il link di IG Market è stato davvero chiarissimo!!!
Grazie mille davvero!
Saluti

stefabst
Messaggi: 11
Iscritto il: 22/08/2017, 12:32

Re: Broker estero e fisco

Messaggio da stefabst » 21/10/2017, 0:36

andreamf ha scritto:
20/10/2017, 20:41

Grazie moltissimo dell'indicazione...
Per cui ricapitolando il 26% lo pago nel quadro RT (nel modello Unico PF2017 sotto il nome di RX19 o RX20) e l'IVAFE nel quadro RW che si traduce nel 2x1000 + 34,50€ per conti esteri superiori ai 5000€. Giusto?
Sicuramente mi farò aiutare da un commercialista ma era per capire bene!
Ti ringrazo nuovamente
Saluti
Finora ho fatto 2 dichiarazioni Unico ed ho pagato (ivafe) il 2x1000 sul saldo finale al 31/12 rapportato al numero di giorni di attività del conto.
Se ad es. apri il conto al 1 febbraio, calcoli il 2x1000, poi dividi il risultato per 365 e lo moltiplichi per 334 (365 - 31).
Per quanto riguarda i 34,50€ (forse intendevi 34,20€) sopra i 5000€, le istruzioni parlano di "conti correnti e libretti di risparmio" che non è il caso nostro. Infatti o paghi il 2x1000 per "i prodotti finanziari diversi dai conti correnti e libretti di risparmio" o paghi 34,20€ sopra i 5000€ per i conti correnti/libretti risparmio.

aisaac
Messaggi: 27
Iscritto il: 17/12/2015, 18:34

Re: Broker estero e fisco

Messaggio da aisaac » 10/11/2017, 16:02

ciao a tutti, semplificando tutto e tradando con broker estero (individuabile dalla regolamentazione es. CySEC se non ho capito male) sui cfd si applica comunque la tassa del 26% sulle plus chiuse entro 2 giorni e sul forex si paga solo l'IVAFE ,per plus generate su conti esteri giusto ? non manca niente ?

andreamf
Messaggi: 8
Iscritto il: 19/10/2017, 11:44

Re: Broker estero e fisco

Messaggio da andreamf » 10/11/2017, 17:44

Scusa ma che sappia io il 26% è una cedolare secca che si paga su qualsiasi tipo di guadagno. Esclusi i titoli di Stato. Sbaglio?

Rispondi