BREXIT

Commenti su dati macroeconomici e notizie

Moderators: riccardo1981, Dainesi

bryan3100
Posts: 682
Joined: 16/11/2014, 0:06

Re: BREXIT

Post by bryan3100 » 24/06/2016, 15:50

ti riferisci a medie e cose varie?
ho visto che i movimenti sono stati bruschi anche sulle coppie aud jpy e compagnia,dite sia dovuto allo spostamento di capitale su valute sicure?
cmq ora capisco perchè non esiste un piano di uscita....bel nodo da sciogliere.è come tentare di separare lo zucchero dal caffè dopo che si è sciolto :|
my god

Sponsor

Sponsor
 

robbi58
Posts: 237
Joined: 18/05/2014, 15:42

Re: BREXIT

Post by robbi58 » 24/06/2016, 16:04

A quest'ora del pomeriggio di otto giorni fa, il dax era a 9450 punti. Adesso è a 9670. Ma dov'è il crollo delle borse europee?

User avatar
LVCA
Posts: 1411
Joined: 17/05/2014, 21:10

Re: BREXIT

Post by LVCA » 24/06/2016, 16:35

Nightrader wrote:
LVCA wrote:Per dire , da un paio di settimane sto tradando a mano questa roba qua , ma questa è la vecchia e cara camelback su grafici a tikki . perchè questa ? perchè mi diverte di più , mi stressa di meno e mi lascia più tempo libero :green:
Ciao LVCA,
la camelback la usi nel modo classico?
Come esci dai trade?
Ciao ,

no diciamo che ho fatto un misto tra la Delphic Phenomenon e la Camelback ( DP come situazione pre-trade e Camelback come entrata , o TTE è la stessa cosa ) .

Per l' uscita , calcolato in modo preciso il rischio tramite una piattaforma apposita poi faccio semplicemente R:R = 1:2 , facendo attenzione chiaramente che ci sia lo spazio libero per arrivare all' ipotetico target , ovvero che non ci siano SR in mezzo a rompere le scatole

bryan3100
Posts: 682
Joined: 16/11/2014, 0:06

Re: BREXIT

Post by bryan3100 » 24/06/2016, 21:00

interessante lvca ne hai mai parlato in qualche topic?
cmq non sembrano esserci troppe apprensioni lato ue,ma molte di + lato GB anche perchè penso che il dato quasi testa a testa indichi che gli inglesi non hanno scelto,non sapevano cosa gli conveniva fare o non fare.
il loro unico problema nella ue sono gli immigrati,per il resto non penso debbano lamentarsi,è una delle monete è forti....fino ad oggi almeno xD
my god

Nightrader
Posts: 578
Joined: 27/01/2016, 13:16

Re: BREXIT

Post by Nightrader » 27/06/2016, 7:43

bryan3100 wrote:interessante lvca ne hai mai parlato in qualche topic?
Della camelback si, del TTE forse ha solo fatto degli accenni.
Se LVCA ne ha voglia e ha tempo, potrebbe riprendere il thread sulla camelback parlando un pò del TTE con qualche esempio, penso sarebbe molto utile.
"Molte scorciatoie sono la strada più breve per tornare al punto di partenza."

bryan3100
Posts: 682
Joined: 16/11/2014, 0:06

Re: BREXIT

Post by bryan3100 » 27/06/2016, 18:00

night tu fai uso di queste tecniche?
my god

Nightrader
Posts: 578
Joined: 27/01/2016, 13:16

Re: BREXIT

Post by Nightrader » 27/06/2016, 18:54

No ma solo per questioni di tempo, la camelback la conosco un pochino e credo sia davvero efficace, mentre il TTE ho cercato info dopo che l'ha citata LVCA.
Se si ha tempo di usarle in intraday credo valga davvero la pena testarle per un pò di mesi.
"Molte scorciatoie sono la strada più breve per tornare al punto di partenza."

User avatar
LVCA
Posts: 1411
Joined: 17/05/2014, 21:10

Re: BREXIT

Post by LVCA » 29/06/2016, 16:42

La TTE altro non sarebbe che l' acronimo per trader's trick entry .

E' un pattern di massimi/minimi di candele che consente di entrare in anticipo rispetto alla rottura dell' uncino , migliorando in questo modo sensibilmente il rischio-rendimento del pattern .

In alcuni casi si può addirittura usare l' uncino come take profit invece che come entrata .... ( questa è una mi ricerca :) )

bryan3100
Posts: 682
Joined: 16/11/2014, 0:06

Re: BREXIT

Post by bryan3100 » 29/06/2016, 16:52

sarebbe da approfondire,in questo periodo è difficile scegliere una direzione
my god

User avatar
LVCA
Posts: 1411
Joined: 17/05/2014, 21:10

Re: BREXIT

Post by LVCA » 29/06/2016, 22:52

bryan3100 wrote:sarebbe da approfondire,in questo periodo è difficile scegliere una direzione
non pensare che sia più difficile , c'e' solo più volatilità

significa che vengono scambiati più tick sul mercato a parità di orizzonte temporale

la direzione non è così difficile da stabilire , te la dice l' order flow ( il flusso dei volumi ) , più difficile è guadagnare anche se hai indovinato la direzione .

i mercati difficili sono quelli in cui non trovi direzionalità sulla frequenza su cui stai lavorando . Questo perchè la direzionalità potrebbe trovarsi su frequenze differenti . In tal senso differenziare le frequenze ( o cicli per usare un termine più comune al trading e meno all' elettrotecnica ) può essere un' ottima idea .

Ma a tutti gli effetti sono cambi di frequenza , da definizione . Chi ha mai parlato di frequenza nel trading ?

Il vero problema risiede nel fatto che se su mercati in cui la frequenza degli scambi cambia in continuazione tendi a comprimere l' informazione su intervalli di tempo prestabiliti e costanti , non ti stai adattando al mercato , e quindi diventa praticamente impossibile guadagnare nel lungo periodo

Post Reply

Who is online

Users browsing this forum: No registered users and 1 guest