Money Management

Raccontateci come vanno gli affari e le vostre tecniche di money management

Moderatori: riccardo1981, Dainesi

Re: Money Management

Messaggioda Wiz3003 » 06/06/2014, 14:02

Redbullish ha scritto:Lo trovato online e dandogli una sfogliata mi sembra mooolto simile al trattato di money management di Andrea Unger (addirittura cominciano entrambi con gli stessi due capitoli, martingala e antimartingala).

Di libri sull'argomento ho nella mia wishlist i seguenti: (e magari cercavo un consiglio da chi già li ha letti)

-Trade Your Way to Financial Freedom di Van K. Tharp
Anche questo offre qualcosa in più a chi ha già letto Unger? O ripete più o meno le stesse cose?

-Un matematico gioca in borsa di Allen Paulos John
Mi sembra impostato in maniera un pò troppo "for dummies", è interessante?


Io lascerei stare i due libri che hai citato se hai giá quello di Unger.
Non ho trovato quello di pippino per vedere se ci sono temi avanzati ... In ogni caso non mi complicherei troppo la vita con il position size quanto piuttosto lavorare su altri temi correlati.
Adesso non posso approfondire perché sono in viaggio
You control how you trade; the market controls how and when you'll get paid.
Confidence doesn't come from being right all the times; it comes from surviving the many occasions of being wrong.
Avatar utente
Wiz3003
 
Messaggi: 1834
Iscritto il: 11/05/2014, 11:05


Re: Money Management

Messaggioda pippino » 06/06/2014, 23:59

ciao wiz3003, il libro che ho linkato mi sembra di capire che spiega perche' non va' bene il metodo del libro di Unger ( optimal f ) e prosegue spiegando il fixed ratio al posto del fractional ratio trading.
Essendo un novizio non riesco a giudicare la bontà di quello che scrive ma mi sembra abbastanza logico come ragionamento
pippino
 
Messaggi: 11
Iscritto il: 04/06/2014, 17:58

Re: Money Management

Messaggioda Wiz3003 » 07/06/2014, 9:53

pippino ha scritto:ciao wiz3003, il libro che ho linkato mi sembra di capire che spiega perche' non va' bene il metodo del libro di Unger ( optimal f ) e prosegue spiegando il fixed ratio al posto del fractional ratio trading.
Essendo un novizio non riesco a giudicare la bontà di quello che scrive ma mi sembra abbastanza logico come ragionamento


Facciamo una premessa banale ma importante.
Il position size non permette di guadagnare soldi se il TS non ha un edge positivo. Quindi ha cosa serve il position size?

In pratica a parita di TS e di trades fatti usare regole di position size diverse permette di ottenere risultati a volte anche radicalmente differenti. In pratica a parità di sequenza di win/loss se uso un position size invece di un altro puoi passare dalla "ruin" (perdi tutto) a guadagni enormi con tutto ciò che ne consegue (DD).

Fatta questa premessa teorica scendiamo adesso nella pratica, anche perchè sono un trader ed il mio obiettivo è ...... bene qual è il mio obiettivo?

Mi dirai : "fare I soldi". Bravo, ma banale.

Le variabili in gioco sono diverse. Capitale di partenza che metti nel trading, orizzonte temporale per raggiungere certi risultati, sei un trader full-time o part-time, DD massimo che sei disposto ad accettare ecc...

Il position size serve a raggiungere i tuoi obiettivi cercando di limitare i rischi.

Lascimo da parte l'optimal f che insieme a Kelly si sono dimostrate troppo rischiose per chi deve fare seriamente (diverso è se partecipi ad un contest e vuoi overperformare). I due modelli che vanno per la maggiore sono :
1) Fractional ratio
2) Fixed ratio

La logica di fondo che differenzia i due consiste nella velocità di crescita della tua equity all'inizio (sempre se il sistema ha edge positivo) ed I DD a cui vai incontro dopo che l'equity è aumentato.

Con fractional si cresce lentamente per poi aumentare velocemente usando l'effetto compounding mentre con il fixed rischi di più quando sei all'inizio per poi rallentare quando i numeri diventano grandi. Il DD si comporta in modo inverso ovviamente.

Personalmente credo che entrambi i metodi hanno dei pro e dei contro ed ancora una volta le variabili in gioco (anche quelle psicologiche sono importanti) fanno la differenza nella scelta di un modello o dell'altro; ma se si vuole fare un passo avanti non bisogna avere un approccio "statico", cioè uso uno o l'altro punto e basta, ... ma bisogna avere un approccio dinamico e flessibile.

Mi spiego. Io preferisco un approccio più aggressivo quando l'equity che ho messo a disposizione per tradare è all'inizio per poi, man mano che vado avanti, e l'equity sale scendere con il rischio e quindi con il DD.

Tieni presente inoltre che a seconda della scala variabile di %R che usi con il fractional o del delta che usi con il fixed alla fine puoi ottenere risultati molto simili tale per cui alla fine il fractional è più facile da usare quando devo calcolare il position size.

A questi argomenti se ne devono poi affiancare altri altrettanto importanti legati alla preservazione del capitale che ti aiutano nei momenti neri che prima o poi capitano ;-)

ciao

wiz
You control how you trade; the market controls how and when you'll get paid.
Confidence doesn't come from being right all the times; it comes from surviving the many occasions of being wrong.
Avatar utente
Wiz3003
 
Messaggi: 1834
Iscritto il: 11/05/2014, 11:05

Re: Money Management

Messaggioda pippino » 07/06/2014, 11:16

grazie wiz3003 per il tuo tempo
pippino
 
Messaggi: 11
Iscritto il: 04/06/2014, 17:58

Re: Money Management

Messaggioda masterix1968 » 19/10/2014, 16:21

pitDiabolik ha scritto:
magico32 ha scritto:Ciao Pit, sarebbe interessante parlare di modelli di mm, magari sapere quali tecniche usano i traders profittevoli come te qui dentro!! :D


Ciao Ale,
certo con piacere, di là nel vecchio forum qualcosa avevo postato, cmq. magari più avanti o meglio in un'altro thread.

Al momento mi mancano un po' di concetti da approfondire:
- Concetto di % (cioè abituarsi a ragionare in termini %)
- Come calcolare lo stop
- Size
- Risk reward
- Win rate
- Black Swan
Si accettano suggerimenti e/o contributi.


Teniamo sempre in considerazione che spesso, in tanti, arrivano in questo mercato attratti da pubblicità ingannevoli: "fai tanti soldi in pochissimo tempo!"

Quando: " Il modo più sicuro per raddoppiare il proprio denaro è piegarlo in due e metterlo in tasca." cit. Woody Allen


Ciao & buon trading. :clover:


Ciao Pit,
a quando l'approfondimento degli argomenti elencati sopra?
Penso che siano molto importanti per chi come me è agli inizi!!!
Attendo con ansia ;)
Ciao
Enrico
masterix1968
 
Messaggi: 21
Iscritto il: 02/10/2014, 22:53

Re: Money Management

Messaggioda pitDiabolik » 07/01/2015, 21:02

masterix1968 ha scritto:Ciao Pit,
a quando l'approfondimento degli argomenti elencati sopra?
Penso che siano molto importanti per chi come me è agli inizi!!!
Attendo con ansia ;)
Ciao
Enrico



Arrivo... entro qualche giorno riprendo il filo del discorso.... intanto carico unadelle bozze che avevo salvato all'epoca... giusto x fare qualche passo indietro e rivedere le basi.
Avatar utente
pitDiabolik
 
Messaggi: 208
Iscritto il: 14/05/2014, 0:03
Località: Clerville

Re: Win rate Risk reward e Black swan

Messaggioda pitDiabolik » 07/01/2015, 21:07

pitDiabolik ha scritto:
L'esempio che spesso si fa è il lancio della monetina ed il risultato che ne può venire fuori: testa o croce, quindi "scommettendo" su una delle 2 opzioni si ha il 50% di probabilità di "vincita", la differenza sostanziale del trading rispetto alla "normale scommessa" sta nel fatto che, con studi grafici e/o nozioni fondamentali ci si può costruire un trading system in cui, al verificarsi di determinate condizioni, si ha la possibilità di alzare la percentuale di vittoria rispetto alla perdita di un x%, questo x% per quanto alto possa essere, non sarà mai il 100%.

Sapendo ciò, quindi, non vado ad impegnare una percentuale alta del mio capitale in un'unica trade ("scommessa"), ma cerco di spalmare il rischio su più trade impegnando di volta in volta una percentuale quanto più bassa possibile in modo da poter tornare di volta in volta a mercato.


Concentriamoci un'attimo sull'esempio della monetina e sul fatto della probabilità al 50%, mentre nel trading questa probabilità con alcune tecniche può aumentare di un x% e che comunque non sarà mai il 100%.

Ora anche avessimo trovato il metodo che ci da un win rate (percentuale di vincita) del 95% ad ogni trade non è detto che se faccio 20 trade ne sbaglio solo 1, ma su un campione abbastanza ampio quella è la media.
Media vuol dire tanto sul lungo periodo, ma nulla sul singolo trade, lì vale sempre il concetto random (ad catzum) del 50% di probabilità che vada in loss oppure no.
Quindi posso beccarmi anche 5 loss di fila sui primi 5 trade, per poi azzeccarne 95 dopo, o, peggio, 10 magari non di fila e 190 dopo.
Inoltre il concetto di win rate da solo non serve nel trading, nella monetina si, ma nel trading no.
Nel trading occorre introdurre il concetto di Risk reward (Rischio/beneficio), meglio conosciuto con l'abbreviazione R:r, se avessimo un R:r 1:1 (ossia rischio l'1% per ricavarne sempre l'1%) e questo R:r è fisso, allora si che lo potremmo paragonare al lancio della monetina. Nel trading invece ci son metodi che anno un'alto Win rate e magari poi anno un R:r negativo (ad es.: rischio l'1% per ricavarne lo 0,5% R:r 2:1).
Ecco che ritornando all'esempio precedente del Win rate al 95% con R:r 2:1, quel 5% di loss, nella realtà e ragionando sempre in termini rischio fisso e guadagno fisso, quel 5% si decuplica e va pure oltre.

Capitale 100 e winrate 95% R:r 2:1
su 95 trade vincenti allo 0,5% avremmo un return del 47,5% a cui dovremmo poi detrarre il 5% dei loss all'1% ed avremo quindi un reale guadagno del 42,5% totale finale: 142

Capitale 100 e winrate 70% R:r 1:1
su 70 trade vincenti all'1% avremmo un return del 70% a cui dovremmo poi detrarre il 30% dei loss all'1% ed avremo quindi un reale guadagno del 40% totale finale: 140

Capitale 100 e winrate 60% R:r 1:1,5
su 60 trade vincenti all'1,5% avremmo un return del 90% a cui dovremmo poi detrarre il 40% dei loss all'1% ed avremo quindi un reale guadagno del 50% totale finale: 150

Capitale 100 e winrate 50% R:r 1:2
su 50 trade vincenti al 2% avremmo un return del 100% a cui dovremmo poi detrarre il 50% dei loss all'1% ed avremo quindi un reale guadagno del 50% totale finale: 150
Avatar utente
pitDiabolik
 
Messaggi: 208
Iscritto il: 14/05/2014, 0:03
Località: Clerville

Re: Money Management

Messaggioda pitDiabolik » 07/01/2015, 21:09

Come accennavo precedentemente era una bozza salvata... l'ho riletta molto superficialmente e m'è sembrata corretta... nei prossimi giorni continuerò e correggerò eventuali errori.


Happy. :green:
Avatar utente
pitDiabolik
 
Messaggi: 208
Iscritto il: 14/05/2014, 0:03
Località: Clerville

Re: Money Management

Messaggioda Wiz3003 » 07/01/2015, 21:51

Pit,

scusa se m'intrometto ma credo che ci sia una piccola imprecisione ... il ragionamento sarebbe corretto se R fosse costante.

In realtà avendo indicato R come % dell'equity questo diventa variabile (1% del equity non ha sempre lo stesso valore) quindi la sequenza dei win/loss determina il valore finale delll'equity a parità di winrate e R:R.
You control how you trade; the market controls how and when you'll get paid.
Confidence doesn't come from being right all the times; it comes from surviving the many occasions of being wrong.
Avatar utente
Wiz3003
 
Messaggi: 1834
Iscritto il: 11/05/2014, 11:05

Re: Money Management

Messaggioda Wiz3003 » 07/01/2015, 21:56

Ho aggiunto un file per spiegarmi meglio.

Winrate 70 RR1.xlsx
(16.31 KiB) Scaricato 120 volte
You control how you trade; the market controls how and when you'll get paid.
Confidence doesn't come from being right all the times; it comes from surviving the many occasions of being wrong.
Avatar utente
Wiz3003
 
Messaggi: 1834
Iscritto il: 11/05/2014, 11:05

PrecedenteProssimo

Torna a Fate il vostro bilancio

 


  • Discussioni correlate
    Risposte
    Visite
    Ultimo messaggio

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti